Come allontanare gli scarafaggi in modo definitivo

come allontanare gli scarafaggi con metodi naturali

Come allontanare gli scarafaggi: repellenti naturali e rimedi per eliminare il problema degli scarafaggi in casa. Dalle trappole fai da te agli insetticidi naturali efficaci.

Gli scarafaggi hanno l’abilità di entrare in casa con molta facilità, rovinandoci l’esistenza! Per allontanare gli odiati scarafaggi non necessariamente dobbiamo ricorrere ai prodotti chimici, che sono molto nocivi per l’ambiente e per la salute dell’uomo. Prima di ricorrere all’uso degli insetticidi, meglio provare a sbarazzarsi degli scarafaggi con metodi naturali.

I rimedi naturali per allontanare gli scarafaggi sono completamente innocui e in determinate condizioni possono essere molto efficaci, anche più dei classici insetticidi per diffusione spray. In questa pagina vi spiegheremo come allontanare gli scarafaggi con metodi naturali ed efficaci.

Scarafaggi o blatte

Gli scarafaggi che trovano il loro habitat naturale nell’ambiente urbano e nelle case, sono onnivori, in pratica mangiano di tutto, quindi la prima regola è l’igiene. Cercate di eliminare qualsiasi residuo organico dal pavimento e dalle superfici di casa.

Eliminare gli scarafaggi risolvendo il problema alla radice

La prima cosa da fare per allontanare gli scarafaggi da casa consiste nell’individuare il loro ingresso preferenziale per accedere ai nostri spazi domestici. Per scoprire l’ingresso degli scarafaggi, osservate muri, battiscopa e qualsiasi barriera perimetrale: gli scarafaggi si insinuano anche nelle più piccole fessure: seguire il loro percorso per individuare l’accesso alla casa e il loro nido.

Fatto ciò, rimuovete immediatamente la via d’accesso o il loro nido. Per essere più pratici, potete andare a riempire con dello stucco pronto all’uso tutte le crepe nei muri, anche quelle nascoste: controllate dietro il lavabo, sulla parete dove poggia la cucina ma anche lungo il perimetro d’acceso dei tubi idraulici e delle prese della corrente elettrica.

La chiusura delle fessure sulle pareti è un passo fondamentale per risolvere il problema di blatte e scarafaggi in casa, è utile anche per impedire le invasioni di altri insetti che possono vivere in ambiente domestico come i pesciolini d’argento o le formiche, entrambi prede degli scarafaggi. Armatevi di spatola e scegliete un ottimo stucco riempitivo. Lo stucco pronto all’uso non è molto costoso: su Amazon una confezione da 900 grammi si compra con 14,94 euro, con spese di spedizione gratuite. Per tutte le informazioni sul prodotto vi rimandiamo alla pagina ufficiale Amazon: stucco riempitivo pronto all’uso.

Scarafaggi dalle tubature o nel lavandino?

E’ possibile, in questo caso potete eseguire un trattamento con soda caustica.

Gli scarafaggi amano le briciole e residui di cibo, pertanto il nido potrebbe trovarsi in qualche angolo della vostra cucina. Oltre a eliminare qualsiasi fessura, state attenti alla vostra dispensa: sigillate qualsiasi alimenti in barattoli dalla chiusura ermetica e non lasciate avanzi organici in casa! Gli scarafaggi si nutrono di qualsiasi residui di natura organica: bando alle briciole, farinacei e qualsiasi alimento.

Come arrivano gli scarafaggi in casa?

Le crepe, i canali di scarico e le reti idriche non sono gli unici canali d’accesso degli scarafaggi. Le blatte possono assediare casa anche con una strada più comoda: siete stati voi stessi a invitarli portando scatoloni o prodotti stoccati in magazzini infestati dagli scarafaggi. La femmina dello scarafaggio depone dalle 4 alle 22 ooteche, delle strutture lunghe circa un centimetro contenenti dalle 8 alle 16 uova di scarafaggio.

Portando in casa uno scatolone contenete fino a 22 ooteche, avete fatto entrare involontariamente dai 176 ai 352 scarafaggi! Raccapricciante vero? Quindi controllate la dispensa ed eliminate le derrate alimentari contaminate o che avete acquistato in negozi a rischio. Nella foto in basso è mostrata una femmina in deposizione, nella zona terminale del corpo si nota l’ooteca; anche se l’insetto nell’immagine non è un comune scarafaggio, l’ooteca è molto simile. Nella foto è mostrato uno scarafaggio alato, scientificamente noto come Periplaneta fuliginosa.

ooteca scarafaggi rimedi naturali

Come eliminare gli scarafaggi con metodi naturali

Per evitare la loro comparsa, è necessario seguire alcune raccomandazioni importanti:

  • Tenete ben pulita la cucina
    niente piatti sporchi nel lavandino, buttate spesso la spazzatura e conservate gli alimenti in contenitori ermetici preferibilmente non di alluminio, il materiale perfetto è il vetro.
  • Finestre e crepe interne
    Tappate tutte le fessure così come spiegato nel paragrafo precedente, inoltre non tenete le finestre aperte in primavera e in estate, a meno che non siano protette da una zanzariera.
  • Fessure e crepe esterne
    Stuccate tutte le fessure nei rivestimenti esterni e nel cornicione, tutte le piccole fessure attorno alle porte, agli scaffali fissati ai muri, ai mobiletti pensili, alle tubazioni, ai lavandini e agli scarichi del bagno… il lavoro di riempimento delle fessure deve essere eseguito in casa così come sui muri perimetrali esterni.
  • Tubature
    Eseguite uno sgorgo profondo delle tubature domestiche e delle fessure che consentono l’ingresso dei tubi di qualsiasi impianto in casa.

Come allontanare gli scarafaggi, trappola fai da te

Potete preparare due tipi diversi di trappole per eliminare gli scarafaggi, una con la colla e l’altra con l’acido borico.

Per la prima trappola fai da te contro blatte e scarafaggi, vi occorre un contenitore di vetro o plastica, vanno bene anche delle vaschette in plastica da riciclare. Una volta procurato il contenitore, non vi resta che preparare l’esca che può essere fatta con diversi ingredienti.

Trappola per catturare le blatte

1) Mettete sul fondo del contenitore qualche cucchiaino di burro di arachidi o dell’uvetta cosparsa di grasso (meglio se di origine animale, tipo strutto) e colla. In questo modo gli scarafaggi saranno attratti dall’esca e rimarranno intrappolati nella trappola fai da te.

Che colla usare per fare una trappola per scarafaggi?
Basta una qualsiasi colla a contatto, per praticità potete orientarvi su un prodotto tipo “bostik superchiaro”, disponibile anche su Amazon al prezzo di 4,69 € per il flacone piccolo e 7,69 € per quello grande, per tutte le informazioni vi rimando alla pagina “Bostik superchiaro su Amazon“. Se in casa avete una colla da contatto (per intenderci, quelle che usereste per incollare supporti di plastica o anche cuoio) potete usare quella!

Trappola per uccidere le blatte

La seconda trappola fai da te è letale, se nel primo caso vi limitata a catturare gli scarafaggi in casa, in questo li avvelenate. In alternativa, infatti, potete preparare una trappola fai da te con delle palline di farina bianca, burro di arachidi e acido borico: lo scarafaggio è attratto dal sapore della pallina ma l’acido borico lo ucciderà.

Nota bene, nel web ci sono le istruzioni per preparare trappole con esche a base di zucchero, niente di più sbagliato: gli scaraggi negli anni hanno sviluppato una sorta di avversione allo zucchero proprio perché le più comuni esche e trappole (anche quelle che trovate in commercio) sono realizzate a partire da glucosio. Al contrario, il burro di arachidi e lo strutto, funzionano da esca proprio perché non contengono glucosio.

C’è una terza opzione che funziona come repellente naturale e non come trappola, in pratica questa è la strada da percorrere per chi non vuole uccidere gli scarafaggi in casa ma li vuole solo allontanare.

Questa terza opzione consiste nel fare un composto di foglie di alloro e cetriolo: Il binomio “alloro e cetriolo” si comporta da repellente naturale contro gli scarafaggi e le blatte, il forte odore terrà lontani gli insetti senza doverli necessariamente uccidere.

Prodotti chimici e insetticidi contro gli scarafaggi in casa

Sconsigliamo l’uso di insetticidi e rimedi chimici contro gli scarafaggi in casa: in ambiente domestico non bisognerebbe mai usare prodotti tossici. Si chiama “insetticida” ma non danneggia solo gli “insetti”, queste sostanze esercitano un’azione tossica su qualsiasi organismo vivente, certo, per gli insetti sono letali ma non hanno un impatto positivo sulla salute dell’uomo. Bersagli indiretti (o involontari) degli insetticidi sono gli animali superiori (come cani, gatti, uccelli e altri animali domestici), quindi attenti in caso di animali domestici o bambini molto piccoli in casa, che spesso giocano con le mani sul pavimento.

Usate gli insetticidi solo quando gli altri rimedi naturali per eliminare blatte e scarafaggi non sono bastati oppure se l’infestazione è tale da ritenerne opportuno l’impiego: una cosa è vedere uno scarafaggio ogni tanto, tutt’altro è ritrovarsi, di notte, con il pavimento della cucina infestato da diversi esemplari di blatte. In caso di infestazioni di blatte, infatti, i rimedi naturali per allontanarli e le trappole fai da te potrebbero non bastare. In queste circostanze potrebbe essere utile spargere farina di grano mescolata con l’1% o il 2% di fluoruro di sodio o cloroderivati come il gammesano. Questa procedura è consigliata solo se potete assentarvi da casa.

Con qualche accorgimento potete usare insetticidi specifici per le blatte e scarafaggi, per citare alcuni prodotti che usano principi attivi efficaci, vi rimando alle pagine:

Scarafaggi in condominio

Se abitate in condominio e avete problemi di scarafaggi in casa o ne avete avvistati diversi negli spazi comuni, avvisate immediatamente l’amministratore che dovrà provvedere a controllare le abitazioni e le parti comuni e attuare piani di disinfestazione.

Scarafaggi, repellenti naturali

Gli scarafaggi possono essere allontanati, oltre che dal binomio “alloro e cetriolo”, anche da altri repellenti naturali quali: erba gatta, tanaceto, olio essenziale di aglio e olio essenziale di rosmarino. Ponete questi repellenti naturali in prossimità di porte e finestre. Se seguite i nostri consigli per allontanare gli scarafaggi, molto probabilmente riuscirete a fare a meno degli insetticidi chimici.

Per altre info: rimedi contro gli scarafaggi

Pubblicato da Anna De Simone il 3 giugno 2018