Coltivazione della maggiorana

coltivazione della maggiornata

Consigli sulla coltivazione della maggiorana e su come sfruttare le proprietà di questa pianta officinale. Caratteristiche, benefici e principi attivi.

La coltivazione della maggiorana è una pratica semplice che può avvenire a partire dai semi, da cespi prelevati direttamente da un’altra pianta o per talea. La coltivazione della maggiorana è possibile sia in vaso, sia nell’orto.

NOTA BENE.
Questa pianta non ha molte esigenze per il tipo di suolo ma è fondamentale tenerla in una posizione soleggiata.

Maggiorana, caratteristiche della pianta

Il suo nome botanico è Origanum majorana, sinonimo di Majorana hortensis. Appartiene alla famiglia delle Labate ed è una pianta officinale molto apprezzata per le sue caratteristiche e proprietà.

Parliamo di una pianta officinale dal portamento cespuglioso, alta 25 – 50 cm. Le radici sono fascicolate e le foglie ovali, di colore verde-grigiastro. Al tatto, le foglie risultano quasi cotonose.

I fiori sono piccoli, bianchi o leggermente rosa. Il periodo di fioritura della maggiorana cade tra luglio e settembre.

Maggiorana, proprietà

Grazie alle sue proprietà, la maggiorana è una pianta molto utilizzata in erboristeria, fitoterapia, aromaterapia e in cosmesi, oltre, ovviamente, al settore alimentare. La maggiorana è nota per le proprietà:

  • Digestive
  • Carminative
  • Antispasmodiche
  • Analgesiche
  • Diuretiche
  • Antireumatiche
  • Ipotensive
  • Dermopurificanti

Tra i principi attivi che rendono possibili tali proprietà e benefici, segnaliamo il terpineolo, i tannini, l’acido rosmarinico, la vitamina C e le resine.

Coltivazione della maggiorana

E’ molto facile coltivare maggiorana con semina diretta, in pieno campo o in vaso. In questo caso, il terreno dovrà essere ragionevolmente sciolto e privo di erbe infestanti. Per la semina in pieno campo si può procedere nel mese di aprile.

Semina della maggiorana

Se avete acquistato una bustina di semi di maggiorana potete procedere con la semina in vaso o in semenzaio.

1) I semi di maggiorana vanno seminati all’inizio della primavera nel meridione d’Italia e verso metà, fine aprile, nel Settentrione.  Per chi decide di coltivare maggiorana in vaso, potete seminare la maggiorana in una composta formata in parti uguali di terriccio fertile e sabbia.

2) Interrate i semi di maggiorana a pochi millimetri di profondità. La profondità di semina si stabilisce calcolando il doppio del diametro del seme e… considerato che i semi di maggiorana sono piccolissimi, vi basterà spostarli nel terreno con un pezzetto di legno o con le stesse mani.

3) Tenete il semenzaio (o il vaso) all’ombra e ricopritelo con un foglio di plastica trasparente o con una lastra di vetro per riscaldare il terreno. Effettuate la semina della maggiorana quando le temperature esterne sono almeno di 13 °C.  Fino alla germinazione, tenete il terreno umido. Irrigate con un nebulizzatore (un flacone spray!).

4) Chi eseguito la semina della maggiorana in vaso dovrà semplicemente diradare e scegliere le piantine da portare avanti. Chi ha seminato in semenzaio dovrà scegliere le piantine da trapiantare: la messa a dimora va eseguita quando le piantine di maggiorana saranno alte almeno 5 – 6 cm.

5) Se intendete seminare in pieno campo, lavorate bene il terreno e seminate facendo in modo che le piante siano poi distanziate di circa 30-50 cm sia sulla fila e tra le file.

coltivazione maggiorana

La germinazione dei semi di maggiorana in pieno campo sarà di gran lunga più lenta quindi consigliamo di seminare in semenzaio per poi mettere a dimora le piantine quando saranno alte almeno 5 – 6 cm.

Semi di maggiorana

I semi di maggiorana sono facili da trovare. Rivolgetevi presso un consorzio agrario, un garden center o sfruttate la compravendita online. Su Amazon, una bustina di semi di maggiorana si compra con circa 4,90 euro con spese di spedizione comprese nel prezzo. Per tutte le informazioni vi invitiamo a visitare la pagina ufficiale Amazon: bustina di semi di maggiorana.

Moltiplicazione per talea della maggiorana

La moltiplicazione per talea della maggiorana va eseguita in giugno. Prelevate una talea lunga 8 – 10 cm dai germogli basali non fioriferi. Piantate la talea in un miscuglio di torba e sabbia e tenetela in una serra fresca a circa 10°C. Trapiantate quando le talee avranno radicato.

Coltivazione della maggiorana in vaso 

Se intende coltivare la maggiorana in vaso, integrate la guida appena illustrata con le informazioni contenute nell’articolo dedicato alla maggiorana in vaso.

Maggiorana, proprietà benefiche e nutrizionali 

Grazie alle sue proprietà, questa erba, è molto impiegata in erboristeria, in aromaterapia e nell’industria cosmetica. Nei rimedi fai da te è sfruttata per curare l’emicrania in modo naturale. Tutte le informazioni: Maggiorana, proprietà.

Come conservare la maggiorana 

La maggiorana si può conservare mediante l’essiccazione oppure si può conservare fresca realizzando appositi preparati in freezer o con olio e sale. Chi vuole conservare il sapore della maggiorana può usarla per aromatizzare l’olio.

Come usare la maggiorana in cucina, fresca o essiccata

La maggiorana può essere usata fresca o essiccata: è il condimento ideale per aromatizzare pizze, carni in umido, ripieni, polpette, torte salate, funghi, legumi, salse, insalate miste o di pomodori, formaggi, frittate, crostacei… è utile anche per aromattizzare l’aceto e l’olio. Usata fresca, è particolarmente indicata per arricchire portate a base di pesce: provate a tritarla finemente e insaporirla con del succo di limone.

Pubblicato da Anna De Simone il 8 maggio 2017