Auto elettrica, vantaggi e costi da sostenere

auto elettrica vantaggi

Stai valutando di comprare un’auto elettrica ma non hai ancora ben capito quali sono i vantaggi della mobilità a batteria? In questo articolo elencherò i vantaggi delle auto elettriche rifacendomi ai costi di manutenzione effettivi, al prezzo delle ricariche e al contesto del mercato italiano.

Auto elettrica, vantaggi

Iniziamo con i vantaggi, anzi, con il vantaggio principale che consiste in minor costi di gestione:

  • manutenzione ordinaria meno costosa rispetto a qualsiasi altro modello con motore termico
  • manutenzione straordinaria meno costosa rispetto a qualsiasi modello di auto a combustione
  • costi di “carburante” notevolmente ridotti
  • esenzione bollo auto per i primi 5 anni
  • possibilità di avere copertura assicurativa (RC auto) scontata del 50%

Le auto elettriche sono alimentate da energia che può essere prelevata dalla rete elettrica cittadina mentre le auto convenzionali sono spinte dal costoso carburante (diesel o benzina), quindi in questo frangente il vantaggio economico è lampante; ma perché le auto elettriche hanno anche costi di manutenzione straordinaria e ordinaria così ridotti rispetto a una vettura convenzionale?
Molte risposte le puoi trovare nell’articolo Cosa manca in un’auto elettricainfatti le componenti più soggette a usura e manutenzione nelle auto convenzionali, in quelle elettriche non sono proprio presenti!

I colleghi di Quattroruote hanno condotto un’indagine mettendo al confronto i costi di manutenzione ordinaria e straordinaria di 20 modelli d’auto, tra questi c’era anche un’auto elettrica e… indovina? Era quella con costi di manutenzione più bassa.

L’indagine ha considerato le prescrizioni della manutenzione ordinaria date dal produttore (tagliandi, controlli periodici…) mentre per i costi legati alla manutenzione straordinaria sono state considerate diverse sostituzioni, tra queste il cambio delle gomme, della frizione, dei freni a disco, delle pastiglie…. A parità di chilometri percorsi è stata l’auto elettrica a spuntare costi di manutenzione più bassi.

Con 120 mila chilometri percorsi, un’Alfa Romeo Giulietta richiede circa 1825 euro di manutenzione ordinaria e 1.745 euro di manutenzione straordinaria. I costi di manutenzione salgono per i suv e crossover a benzina mentre  auto di segmento A come la Fiat Panda vede 1.973 euro di manutenzione ordinaria e 1.189 euro di manutenzione straordinaria.

E se si confrontano i costi di manutenzione di un’auto elettrica con quelli di un’auto a metano/GPL?

La Fiat Punto a Metano vede 1.956 euro di manutenzione ordinaria e 1.313 euro di manutenzione extra. La Nissan Micra GPL vede una spesa in manutenzione ordinaria di 1.360 euro e costi in manutenzione straordinaria pari a 1.241 euro.

Mentre i costi di manutenzione di un’auto elettrica?
In un’auto elettrica la frizione non c’è e i freni si consumano molto più difficilmente grazie alla frenata rigenerativa. Una Nissan Leaf richiede mediamente 84 euro all’anno per il tagliando mentre per la Bmw i3 i prezzi del tagliando salgono a circa 95 euro.

Considerando i costi richiesti della Bmw i3, dove il brand tedesco è “famoso” per le sue spese più consistenti, possiamo dire che la manutenzione ordinaria su 120 mila chilometri si fa pagare solo 766 euro euro, mentre quella straordinaria si fa pagare 983 euro considerando, però, la sostituzione di ruote su misura che solo queste costano ben 720 euro! Su un’auto elettrica Nissan Leaf la manutenzione straordinaria viene a fare solo 618 euro!

Quanto costa ricaricare la batteria di un’auto elettrica?
Con la Smart Elecrtic Drive, per esempio, una ricarica completa costa 1,15 € e consente di percorrere 145 km. Per un approfondimento completo ti rimando al mio articolo Ricarica EV in casa, colonnina o presa domestica?

Ai vantaggi economici si associano altri “pro”:

  • possibilità di accedere alle Zone a traffico Limitato
  • possibilità di parcheggiare gratuitamente sulle strisce blu (molti comuni d’Italia offrono la sosta gratuita alle auto elettriche)
  • possibilità di portare in detrazione fiscale la spesa d’acquisto e d’installazione della colonnina di ricarica rapida

Auto elettriche, svantaggi

Se sei a caccia degli svantaggi legati alla mobilità elettrica, per ora possiamo citare solo gli alti costi d’acquisto delle vetture. E’ vero che in Italia sono poche le postazioni di ricarica elettrica ma è altrettanto vero che la gran parte di automobilisti italiani non percorre più di 100 – 130 km al giorno, range coperto dalla gran parte delle auto elettriche presenti in commercio.

Nella foto in alto, la Renault ZOE – tra le auto elettriche più economiche

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra le cerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 12 maggio 2015