Quello che manca in un’Auto Elettrica

Non lasciatevi ingannare dal titolo, questo articolo non vuole essere una polemica anti-innovazione, piuttosto daremo luce a uno studio condotto in Germania.

Avere un’auto elettrica significa risparmiare soldi per il carburante ma anche dal meccanico! I motori elettrici sono composti da poche parti e sono più facili da aggiustare, al contrario i motori delle auto convenzionali sono costituiti da centinaia (talvolta addirrittura da migliaia) di componenti. Per questo e altri motivi, una ricerca ci suggerisce che le auto elettriche possono tagliare la spesa di manutenzione di almeno il 35 per cento rispetto a quanto richiesto da un’automobile a benzina/diesel.

Lo studio è stato condotto dall’Istituto per la Ricerca Automotive (IFA) e dall’Università di Nürtingen-Geislingen, a sud della Germania. La ricerca ha concluso che possedere un’auto elettrica porta abbastanza vantaggi economici da ripagare l’investimento iniziale dell’acquisto.

E’ vero, il costo iniziale di un’auto elettrica può sembrare ancora troppo alto, tuttavia lo studio ha realizzato che in un periodo di otto anni, solo sulla manutenzione, un’auto elettrica porta un risparmio economico di 3.650 euro. La ricerca ha paragonato un’auto elettrica a un’automobile convenzionale, calcolando un chilometraggio annuo relativamente basso pari a 5.000 chilometri. E’ scontato dire che più chilometri si percorrono e prima si ammortizzerà l’investimento iniziale.

I veicoli elettrici mancano di numerosi componenti tradizionalmente presenti sui veicoli a combustione interna, in più, i freni e altri costituenti meccanici, in un’auto elettrica, tendono a durare più a lungo. Anche le case automobilistiche hanno notato tale vantaggio, tanto che la Ford ha compilato un elenco dei componenti che non sono presenti sulla sua Focus Electric. Alcune delle parti meccaniche assenti nelle auto elettriche sono: marmitta, candele, coppa dell’olio, filtro dell’aria, filtro carburante, frizione, alternatore, radiatore, cinghia a serpentina, motorino di avviamento, termostato, cinghia di distribuzione, pompa dell’acqua… Così chi possiede un’auto elettrica non si dovrà più preoccupare del radiatore, al massimo dovrà sostituire la batteria quando avrà esaurito i suoi cicli di ricarica.

Guidare un’auto elettrica porta un sacco di vantaggi:
-incentivi sull’acquisto
-transito libero nelle ZTL
-zero inquinamento acustico
-emissioni di CO2 ampiamente ridotte
-spesa per la manutenzione ridotta
-grosso taglio sulla spesa carburante

Pubblicato da Anna De Simone il 14 dicembre 2012