Zaino solare con Brand Italiano

 

Zaino Black Sun

Lo abbiamo già visto qualche tempo fa con la borraccia biodegradabile e iNature, la cover per iPhone made in italy. Sono sempre più importati i brand italiani all’insegna della sostenibilità, ne è un esempio anche Black Sun, il marchio italiano che ha lanciato una linea di prodotti green come lo zaino solare, capace di ricavare energia elettrica dai pannelli solari integrati in un design di gran classe.

GUARDA LE FOTO DEI GREEN GADGET SOLARI


Quelli di Black Sun sono Zaini dallo stile casual ma inconfondibili dato le loro peculiarità! Incorporano celle solari capaci di produrre energia elettrica e conservarla in appositi sistemi di accumulo. L’energia sarà poi sfruttata nei momenti di bisogno per la ricarica di telefoni cellulari, fotocamere, tablet, videogame e qualsiasi altro dispositivo portatile.

La collezione green Black Sun, si compone di zaini a energia solare che portano elettricità in qualsiasi contesto, dalle gite all’ufficio, senza dimenticare i picnic a impatto zero! Il funzionamento è molto semplice: dopo la prima ricarica effettuata tramite la rete domestica o la presa USB del computer, lo zaino rifornirà il suo sistema di accumulo mediante l’energia solare. Questa operazione avviene sfruttando i pannelli solari posti nella parte più esterna dello zaino.

Gli zaini Black Sun, inoltre, sono impermeabili e dotati di numerose e ampie tasche che li rendono versatili e ideali in numerose e differenti situazioni: da quelle lavorative a quelle lifestyle e dedicate al tempo libero.

Black Sun è un brand di proprietà di Tre Ellle srl, azienda specializzata nella produzione e distribuzione di prodotti ecocompatibili per il rispetto dell’ambiente e il risparmio energetico.

Lo zaino solare Black Sun è la prova che la sostenibilità può fare la sua parte in ogni settore, anche in quello della moda.

GUARDA LE FOTO DEI GREEN GADGET SOLARI

Articolo correlato di aprile 2014Zaini solari disponibili in Italia con commenti e link per acquistarli online.

Pubblicato da Anna De Simone il 20 aprile 2012