Trucchi per consumare meno diesel

consumo diesel

Quali sono i trucchi per consumare meno diesel alla guida? Un litro di carburante costa all’incirca 1.60 euro e risparmiare gasolio con l’auto significa diminuire i costi di gestione della vettura salvaguardando portafogli e e denaro.

Trucchi per consumare meno diesel, dalla manutenzione auto allo stile di guida
Cambiare il filtro dell’aria regolarmente, controllare la pressione pneumatici almeno ogni due mesi, viaggiare senza alcun carico, usare l’aria condizionata con saggezza, smontare il portapacchi, cambiare marcia al momento opportuno… si tratta di accorgimenti che possono farci risparmiare diesel in quantità considerevoli. Tutti i trucchi per consumare meno diesel che riguardano manutenzione e stile di guida (sapevi che una marcia alta è più “risparmiosa” di una più bassa?) sono stati elencati nell’articolo “Come risparmiare diesel“.

Quelli che vedremo nel presente articolo sono i trucchi per consumare meno diesel impiegando dispositivi e tecnologie sviluppate per migliorare l’efficienza del motore termico alimentato a gasolio.

Sistemi Accessori
Il diesel è impiegato per alimentare il motore ma anche per sostenere tutti quei sistemi accessori (alternatori, clima, servosterzo…), modificando la ripartizione energetica ai sistemi accessori si può risparmiare molto carburante. Chi desidera effettuare tali modifiche deve stare ben attento a non compromettere la sicurezza del veicolo.

Additivi
In commercio si trovano olii additivi, carburanti speciali o pasticche da sciogliere in un pieno di gasolio. Tali composti promettono di migliorare le prestazione del carburante. Attenzione ai trattamenti per il carburante, alcuni prodotti possono contenere cloro, teflon o zinco che se da un lato migliorano le prestazioni del carburante, dall’altro danneggiano il motore.

Automatic
E’ un dispositivo che si aggancia alla centralina di bordo e comunica con lo smartphone. Consente di risparmiare carburante lanciando una sorta di competizione per stabilire chi è il driver che inquina di meno.

Magneti
In commercio si trovano dispositivi simili a barrette metalliche che si fregiano di riuscire ad allineare le molecole di gasolio per migliorarne la combustione. Tra i vari nomi presenti sul mercato segnaliamo Be-fuelsaver che consentirebbe di risparmiare il 13,9% della spesa carburante. Su 100 euro spesi, impiegando tale barra magnetica, si risparmierebbero 13,90 euro.

Sistema Start e Stop
Il sistema è incorporato nelle vetture di ultima generazione. La tecnologia Start e stop spegne automaticamente il motore a combustione interna per ridurre il tempo in cui il motore gira e l’auto è ferma. In tal modo diminuiscono i consumi di carburante. Implementare un sistema star e stop aftermarket no è affatto un’impresa semplice considerando che alcuni sistemi (il condizionatore d’aria, il servo sterzo, le pompe dell’acqua…) sono normalmente progettate per funzionare con l’energia erogata dal motore (sono, di solito, connesse alla cinghia del motore), tali sistemi detti “accessori” dovrebbero essere riprogettati per funzionare anche quando il motore è spento.

Nelle auto Start e Stop, tutti i sistemi accessori continuano a funzionare quando il motore è spento grazie all’aggiunta di un piccolissimo propulsore elettrico.

Nella foto la prima vettura al mondo a utilizzare la tecnologia Start & Stop, si tratta della Fiat Regata ES con sistema Citymatic, siamo nel 1983.

Pubblicato da Anna De Simone il 10 aprile 2014