Tetto fotovoltaico integrato

tetto solare integrato

Il tetto solare integrato rappresenta la soluzione migliore per portare il fotovoltaico in casa, questo perché si sfrutta una superficie altrimenti morta/inutilizzata (appunto il tetto) e si ottimizza l’efficienza energetica della casa. Un tetto solare integrato riesce ad aumentare notevolmente il valore economico di un edificio, senza parlare dei vantaggi per gli abitanti.

Distinzione: il tetto solare integrato o parzialmente integrato 
Un impianto fotovoltaico integrato nel tetto, è quello allestito contestualmente alla realizzazione della copertura di un edificio. La distinzione va fatta al momento della richiesta degli incentivi. Se si vuole installare un impianto fotovoltaico sul tetto di una casa già costruita, questo verrà definito “parzialmente integrato”. Quando il tetto ha coperture a falde, solo una falda potrà ospitare un impianto. Si sceglie il lato del tetto più esposto al sole.

Se per i tetti a falda è più semplice, per i tetti piani o per i pannelli non integrati -impianti solari costruiti su terreno-, bisognerà predisporre una struttura di sostegno per inclinare i pannelli. Chi è interessato a un tetto solare integrato ma non ha in programma piani di ristrutturazione delle coperture e non deve costruire una nuova abitazione, può prendere in considerazione le coperture fotovoltaiche flessibili.

Con la diffusione dei tetti solari e delle soluzioni fotovoltaiche integrate, sono diventate sempre più consistenti le proposte di mercato: non solo tecnologia al silicio amorfo ma anche pannelli coibentati in poliuretano e lamiere grecate semplici o curve. Il fotovoltaico integrato si distingue per la sua flessibilità in quanto dovrà integrarsi perfettamente fin dalla progettazione di un tetto, dovrà quindi essere in grado di soddisfare le esigenze architettoniche, in primis quelle per l’inclinazione senza dimenticare l’estetica: la cosiddetta integrazione dovrà essere armoniosa rispetto all’intera abitazione.

Un tetto solare integrato può diventare l’occasione d’oro per lo smaltimento di coperture in amianto, senza la necessità di intaccare le altre strutture preesistenti.

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo sulle tegole fotovoltaiche.

Pubblicato da Anna De Simone il 25 luglio 2013