Le tegole fotovoltaiche salvano il paesaggio

coppi-fotovoltaici

Tegole fotovoltaiche e coppi fotovoltaici sono una buona risposta all’esigenza di bilanciare l’estetica dell’edificio – a volte anche l’elemento paesaggistico se ci si trova in contesti particolari – con la produzione di energia del sistema fotovoltaico che sfrutta il calore naturale del sole.

Poiché esistono zone dove i pannelli solari sono addirittura vietati – come alcuni centri storici – le tegole fotovoltaiche e i coppi fotovoltaici potrebbero allargare l’ambito di applicazione della tecnologia solare (è più facile ottenere l’autorizzazione all’installazione) e dare un ulteriore contributo alla riduzione della spesa energetica nazionale. L’efficienza in termini di resa dichiarata dai produttori è di tutto rispetto.

Posto che l’obiettivo del fotovoltaico è prodursi da soli l’energia per risparmiare sulla bolletta, in alternativa ai tradizionali pannelli solari sovrapposti o incastrati al tetto – che creano una discontinuità visiva e strutturale nel manto di copertura – si possono installare tegole fotovoltaiche esteticamente molto simili alle normali tegole ma in grado di sfruttare l’effetto fotovoltaico che converte l’energia solare incidente in energia elettrica.

Tegole fotovoltaiche e coppi fotovoltaici (la differenza tra una tegola e un coppo è sostanzialmente nella curvatura dell’elemento) sono sul mercato italiano da circa un anno e la loro diffusione sta aumentando. L’idea che sta alla base è quella di creare un sistema fotovoltaico senza sovrapporre un elemento a un altro, come avviene con i normali pannelli fotovoltaici, ma cercando di sostituire un elemento proprio del tetto – le tegole – con elemento simile – tegole fotovoltaiche – dotato di tecnologia incorporata. Esattamente come per le piastrelle fotovoltaiche che vengono usate per la realizzazione di pavimenti fotovoltaici.

Le tegole fotovoltaiche funzionano singolarmente come dei piccoli pannelli solari che si incastrano in un sistema a puzzle potendo contare su un elemento fotovoltaico integrato nella parte piatta o tra una tegola e l’altra. Nel caso delle tegole fotovoltaiche di norma non serve il rifacimento integrale del manto di copertura potendo sostituire solo in alcune parti le tegole esistenti. Un po’ più complesso e costoso il caso dei coppi fotovoltaici per i quali risulta invece necessario il rifacimento completo del tetto.

A guardare bene non sfugge la differenza di un tetto realizzato con tegole fotovoltaiche o coppi fotovoltaici rispetto a un tetto tradizionale con gli stessi elementi di tipo tradizionale, soprattutto se questi sono stati gradevolmente scoloriti dal tempo, ma rispetto a un’installazione a pannelli il risultato estetico fa un passo avanti.

Pubblicato da Michele Ciceri il 18 gennaio 2014