Talloni screpolati, tutti i rimedi efficaci

talloni screpolati

I talloni screpolati sono un problema comune quanto la pelle secca. Quello dei talloni screpolati è un disturbo descritto con il termine “xerosi”. La xerosi, in campo medico, è la mancanza di umidità o di sebo nella pelle, con questo termine si intende quindi la pelle secca.

Uno dei sintomi della xerosi sono le classiche striature presenti sul tallone e pelle che si desquama. Più tipicamente, la xerosi colpisce mani e piedi, soprattutto nella zona del tallone. La xerosi può essere dettata da una dieta povera di liquidi ma gli squilibri idrici non sono l’unica causa: carenza di vitamina A, l’ittiosi, contatto eccessivo con l’acqua e diabete possono essere le cause dei talloni screpolati. Nonostante la drammaticità dell’eziologia, di solito la causa dei talloni screpolati è data da una cattiva idratazione o dai piedi sudati che rendono l’ambiente della scarpa eccessivamente umido, questa ultima evenienza è molto comune per chi soffre di talloni screpolati in estate, quando il piede entra maggiormente in contatto con l’acqua (lavaggi più frequenti, mare…).

Talloni screpolati, i rimedi naturali più efficaci

Per risolvere il problema dei talloni screpolati, ricordatevi di assicurare all’organismo l’apporto idrico necessario (per approfondimenti, leggete: quanta acqua bere al giorno?) e somministrate localmente pomate idratanti o sostanze come glicerina e lanolina.

Pietra pomice e pediluvio

Potete usare una pietra pomice naturale da strofinare delicatamente sul tallone.  Questo trattamento risulta più efficace se in precedenza avete fatto ammorbidire la callosità immergendo il piede in acqua tiepida. Per coadiuvare l’azione della pietra pomice, prima del trattamento, immergete i piedi in un infuso di camomilla. Dove comprare la Pietra pomice? Su Amazon è proposta a circa 7 euro con spedizione gratuita (se l’acquisto è combinato a quello della crema per talloni screpolati e altri prodotti “Plus”). Per tutte le info vi rimandiamo alla pagina ufficiale del prodotto: Pietra Pomice.

Olio di cocco

Applicate dell’olio di cocco sul tallone screpolato per avere un immediato effetto emoliente e per idratare a fondo la cute. L’olio di cocco è un ottimo rimedio naturale contro i talloni screpolati. Per approfondire questo argomento, vi rimando al mio articolo dedicato alle proprietà dell’olio di cocco.

Crema per talloni screpolati

Aiuta a prevenire le infezioni creando una barriera naturale che consente alla pelle di ripararsi velocemente. Consigliato soprattutto in caso di pelle sensibile e talloni screpolati doloranti. Tra i prodotti in commercio segnaliamo la Crema per talloni screpolati Scholl, un flacone di 60 ml costa 4,44 euro con spedizione gratuita. Riesce a restituire talloni sani dopo una settimana di applicazione.

Scholl di Velvet

E’ molto efficace e restituisce piedi morbidi fin dalla prima applicazione. Se vi state chiedendo se Scholl funziona contro i talloni screpolati, la risposta è sì! Funziona dopo un singolo utilizzo ma, senza l’opportuna idratazione corporea, dopo 5-6 giorni il tallone assumerà nuovamente un aspetto sgradevole. Scholl può essere un ottimo punto di partenza per il pedicure ma bisognerà coadiuvare il trattamento con creme idratanti o burro naturale. Questo apparecchio, nei negozi, è proposto a un prezzo di 34,90 € ma su Amazon è proposto al prezzo promozionale di 29,80 € con spedizione gratuita. Per tutte le informazioni vi rimandiamo alla pagina ufficiale di Amazon: Scholl Velvet Soft .

Talloni screpolati doloranti
In presenza di dolore, non usate nessuna lima, ne’ pietre pomice. In questo caso sarà neessario trattare la zona con una pomata emolliente e se necessario, con creme tipo fitostimolina, chiedete consiglio al vostro farmacista di fiducia. Molto utile, in questo caso, può essere l’applicazione di burro di cacao.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra le cerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 3 settembre 2015