Riparare buchi causati dalla ruggine

riparare buchi ruggine

Come riparare buchi causati dalla ruggine: i buchi nel metallo e nel ferro possono essere un grosso problema. Ecco come ripararli con il fai da te.

Se avete un vecchio balcone da ristrutturare e siete alle prese con le ringhiere o un vecchio cancello in ferro, vi sarà utile lo stucco per il metallo. In questa pagina vedremo come usarlo per riparare i buchi della ruggine, anche quelli lasciati nella carrozzeria dell’auto.

Per riparare i buchi causati dalla ruggine è necessario acquistare uno stucco per il ferro. In commercio vi sono stucchi per il ferro dalle caratteristiche diverse; in base al tipo di riparazione, scegliete uno stucco per il ferro pronto all’uso o uno stucco per riparare i buchi nella carrozzeria.

Stucco per metallo o saldatura

Quando dei componenti di metallo sono rovinati intaccati dalla ruggine, non sempre basta l’uso di un convertitore o di spazzole metalliche! Il processo di ossidazione del ferro, se trascurato e non bloccato, va a creare delle cavità e buchi nel metallo.

Un oggetto di metallo (ringhiera, cancello, profilo della finestra, carrozzeria…) può essere portato a nuova vita sfruttando lo stucco. Se l’ossidazione del ferro ha creato un vero e proprio foro, bisognerà considerare l’impiego di una sorta di “toppa”, mentre se il buco non ha perforato completamente il ferro, basterà l’impiego dello stucco per il metallo.

Lo stucco per il metallo vi servirà per riparare acciaio, metallo, alluminio, ottone o zinco. Se il metallo da riparare è alluminio, ottone o zinco, bisognerà eseguire un trattamento con un primer non fenolico così da consentire la presa dello stucco.

Lo stucco per metalli è molto usato per riparare la carrozzeria delle auto o i vecchi infissi con profili metallici. Se la superficie è eccessivamente arrugginita, potrebbe essere opportuno riparare il buco di ruggine mediante una saldatura con metallo nuovo. In caso di superficie circoscritte si può agire con lo stucco pronto all’uso.

Per buchi di ruggine che perforano da una parte all’altra un box in metallo, potete valutare l’impiego di fogli di metallo da saldare o fissare con apposite resine adesive.

Come riparare buchi causati dalla ruggine

Lo stucco che troviamo in commercio è venduto con un attivatore detto “indurente”. Al momento dell’uso, prelevate dalla confezione solo la quantità di stucco che intendete impiegare nel futuro più immediato (entro 10 minuti).

Partite con la riparazione di un’area ben delimitata. Dalla confezione, prelevate solo parte che intendete usare e mescolatela con la dose di catalizzatore suggerita in etichetta.

Attenzione!
Qualsiasi attrezzo che entra in contatto con il catalizzatore (attivatore o indurente) non dovrà entrare in contatto con lo stucco che non state adoperando, altrimenti questo diventerà duro e inutilizzabile. Se accidentalmente un attrezzo sporco di catalizzatore per prelevare lo stucco dalla sua confezione, eliminate subito lo strato che entrato a contatto con l’attivatore.

Per stendere lo stucco usate una spatola o un apposito coltello. Una volta indurito, lo stucco potrà essere scartavetrato e verniciato con il resto del metallo.

Una volta aperto, lo stucco per il metallo può essere conservato per pochi mesi. I più scrupolosi, se riescono a sigillarlo in modo ermetico, potranno conservarlo per circa un anno.

Consiglio per i neofiti del fai da te 
Se non avete una buona manualità e non siete esperti di ristrutturazioni e fai da te, per riparare buchi causati dalla ruggine, comprate uno stucco per metallo pronto all’uso. Lo stucco pronto all’uso non deve essere attivato. Va applicato direttamente sul buco o la rientranza da portare a livello. E’ nato per interventi semplici e di modesta entità. Stando agli esperti i prodotti migliori sono quelli con catalizzatore in quanto danno una resa più duratura, tuttavia lo stucco per metallo pronto all’uso è molto più facile da gestire.

Se avete a che fare con la ruggine, vi sono altre guide che potrebbero esservi molto utili:

Pubblicato da Anna De Simone il 21 maggio 2016