Convertitore di ruggine, come funziona

convertitore di ruggine prezzo come funziona

Convertitore di ruggine, come funziona e come si usa per eliminare la ruggine e prevenirne la formazione. Convertitore di ruggine, prezzo e istruzioni pratiche all’uso.

Il convertitore di ruggine è un prodotto molto comodo che ci aiuta a eliminare la ruggine dalle ringhiere, cancellate e oggetti in ferro senza la necessità di carteggiare.

Convertitore di ruggine, come funziona

Attenzione! Abbiamo detto senza carteggiare ma sarà necessario eliminare l’eventuale vernice scrostata e la ruggine friabile, quindi prima dell’uso del convertitore sarà opportuno preparare il ferro in questo modo:

  • Passate, lungo tutta la superficie da trattare con il convertitore di ruggine, una spazzola di ferro.
  • Con un panno imbevuto di acqua ragia, pulite la superficie e lasciar asciugare completamente.
  • Stendere il convertitore di ruggine.

La ruggine viene trasformata in un composto inerte di colore scuro, che può essere riverniciato con qualsiasi smalto e non con il classico antiruggine. Il convertitore di ruggine è molto comodo perché consente di applicare anche smalti semplici per il ferro e non necessariamente smalti antiruggine, così da avere una più ampia scelta di colori.

Una cosa è il metallo arrugginito e tutt’altra cosa è un pezzo di metallo con strati superficiali ricchi di vernice scrostata e ruggine friabile.

Se avete una panchina in ferro o un cancello poco arrugginito, il convertitore di ferro è perfetto perché i lavori preliminari sono ridotti al minimo (eliminate la polvere superficiale). Se avete una ringhiera ricca di ruggine, dove lo strato della vernice ormai non è più distinguibile, in questo caso non vi basterà applicare il convertitore e dovrete necessariamente spazzolare per eliminare qualsiasi strato “sfaldabile”. La procedura preliminare è resa necessaria per consentire la perfetta adesione del convertitore di ruggine al metallo.

Convertitore di ruggine, come si usa

La resa e i tempi di attesa prima della verniciatura variano da produttore a produttore, tuttavia l’uso del convertitore di ruggine è pressoché il medesimo. Come eliminare la ruggine dal ferro con un convertitore?

  • – 1. Eliminare le parti non aderenti alle superficie in ferro.
  • – 2. Eliminate eventuali tracce di grasso
    (ecco perché consigliamo di pulire con acqua ragia).
  • – 3. Applicare il convertitore di ruggine con un pennello per vernici a base d’acqua, con un pennello a rullo o con un applicatore a spruzzo.
  • – 4. Il prodotto va usato con temperature comprese tra 5 e 40 °C e va steso in modo uniforme, come una semplice vernice.
  • – 5. Attendere i tempi di asciugatura (dai 15 minuti alle 24 ore) per poi verniciare con lo smalto scelto.

L’impiego è molto semplice. Il convertitore di ruggine è un prodotto a base d’acqua o di resine sintetiche molto delicato: evitate di intingere il pennello direttamente nel flacone d’acquisto! Trasferite il convertitore in un altro contenitore e, al termine dei lavori, gettate via il prodotto residuo senza travasarlo nel flacone… meglio un po’ di spreco che poi dover rendere inutilizzabile tutto il prodotto avanzato!

Perché non intingere il pennello direttamente nel flacone? Per lo stesso motivo per il quale non bisogna riversare nel flacone l’emulsione avanzata: se vi sono dei residui di ruggine sul pennello o nel liquido avanzato, rischiate di rendere inefficace il convertitore che reagirebbe all’interno del flacone con la ruggine residua del pennello.

Convertitore di ruggine, prezzo

In commercio esistono diversi convertitori di ruggine e quindi i prezzi possono variare. I prodotti più affidabili sono il convertitore Ferox di Arexons Neofer di Saratoga.

Se preferite gli acquisti online, Ferox su Amazon si compra al prezzo di 18,70 euro (con spedizione gratuita) per il flacone da 750 ml. Quanto convertitore vi serve? Con un litro di prodotto potete arrivare a fare 12 mq di superficie ma molto dipende dallo spessore della ruggine, se il ferro è molto arrugginito la resa scende a 9 – 10 mq.

Pubblicato da Anna De Simone il 11 maggio 2016