Preparazione terreno per prato

Preparare terreno per prato

Parliamo qui di preparazione terreno per prato, un’operazione che si fa in primavera o fine estate approfittando del clima mite e delle precipitazioni che di solito non mancano in questi periodi dell’anno. I mesi buoni per la semina del prato sono aprile, maggio, settembre e ottobre.



Nelle regioni più calde si può anticipare a marzo e ritardare a novembre, sempre che la pioggia non si faccia troppo intensa. In ogni caso è bene che la preparazione terreno per prato anticipi di una o due settimane la semina del prato stesso, così da permettere al terreno di assestarsi.

Preparazione terreno per prato: cosa occorre

Per la preparazione di un buon letto di semina dove le piantine possano radicare e crescere serve del buon concime. Uno strato leggero di letame di cavallo, che è il miglior concime naturale che esista, è un ottimo punto di partenza.

Se il terreno da preparare è duro e argilloso serve anche correggerlo con torba e sabbia come ammendanti, così da renderlo soffice e ben permeabile oltre che ricco. Ovviamente il concime e gli ammendanti vanno mescolati incorporando a fondo lo strato superficiale del terreno preesistente (pulito dalle erbacce) così da formare uno strato morbido di 30-40 centimetri. Per questa operazione ci si può servire di una vanga se si hanno buone braccia o di una motozappa che rende tutto meno faticoso.

Riepilogando, per la preparazione del terreno per la semina del prato servono:

  • letame maturo (consiglio quello di cavallo) o in alternativa concime stallatico;
  • torba e sabbia in caso di terreno argilloso.

Preparazione terreno per prato: le operazioni necessarie

La prima cosa da fare è quella di estirpare il prato precedente o preparare il fondo se si tratta di un terreno incolto. Se andiamo a lavorare su un prato preesistente può bastare un rastrello di metallo, altrimenti si va di zappa o ci si aiuta con un motocoltivatore.

Una volta preparato il terreno nella giusta miscela, il letto di semina va livellato e rastrellato per ricevere i semi. Per ciò che segue vi rimando al nostro articolo Come seminare il prato

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Michele Ciceri il 5 marzo 2015