Come preparare l’orto rialzato

preparare orto rialzato

Come preparare l’orto rialzato: l’orto rialzato si pone a qualche decina di centimetri sopra il livello del terreno, cresce bene perché è più raccolto, protetto e presenta innumerevoli vantaggi.

Perché preparare l’orto rialzato
I motivi che possono spingervi all’allestimento di un orto rialzato sono molteplici. In primis, per prepararsi alla coltivazione dell’orto anche nel periodo invernale: le coltivazioni sono più facili da proteggere dal freddo in un orto rialzato!

L’orto rialzato non è altro che un fazzoletto di terra posto più alto del livello del suolo così da poter funzionare in modo analogo a una serra. Con un letto di coltura rialzato si stima di poter ottenere dei raccolti addirittura quattro volte superiori a quelli ottenuti con l’orto tradizionale. Ciò grazie soprattutto a tre fattori:

  • la struttura del terreno

Il terreno, non essendo mai calpestato è più poroso e soffice così da consentire una più facile crescita delle radici. Questo consente di aumentare la densità di semina: nello stesso spazio si potranno coltivare un numero più elevato di piante. Il terreno si compatta meno, circola più aria e il drenaggio è migliore.

  • la luce

Un orto rialzato riceve una quantità superiore di luce, fattore determinante soprattutto nei periodi invernali.

  • manutenzione

Richiede poca manutenzione ed è ideale anche per i principianti. Si adatta a ogni spazio, anche in terrazza o in cortile. Consente di effettuare interventi mirati su singole colture. All’occorrenza si può facilmente coprire con del tessuto non tessuto per la protezione dal freddo o con della rete per uccelli. Tiene l’orto ben ordinato e consente una migliore gestione dello spazio.

Come preparare l’orto rialzato, il porcone
Ognuno può preparare l’orto rialzato seguendo il modello che più apprezza. L’orto rialzato non è una novità degli ultimi tempi, i contadini più tradizionalisti hanno sempre coltivato l’orto rialzato che nel gergo contadino era chiamato Porcone (in italiano, con il termine “porca*” si indica lo spazio di terreno rialzato che si forma tra un solco e l’altro).

Molti contadini preparano l’orto rialzato semplicemente “ammucchiando” il terreno più soffice e fertile dell’appezzamento agricolo, mentre oggi, soprattutto in ambito urbano, l’orto rialzato è racchiuso in una recisione in legno, pietra o metallo.

GUARDA LE FOTO DELL’ORTO RIALZATO

A livello descrittivo, possiamo descrivere la preparazione di un orto rialzato in queste semplici passi:
-create una struttura perimetrale senza fondo impiegando un materiale a vostra scelta (pietre, lamine metalliche, strutture in legno…)
-fissatela al terreno creando la cornice del vostro orto
-riempite la struttura prefabbricata con del terriccio e argilla espansa per favorire il drenaggio
-piantate ortaggi e iniziate a coltivare il vostro nuovo orto rialzato.

Tutte le istruzioni sono disponibili nell’articolo-guida “Come costruire un orto rialzato“.

*Porca, dal dizionario Treccani
“pòrca s. f. [lat. pŏrca, di origine indoeur., affine al ted. Furche]. – In agraria, striscia di terreno di varia ampiezza (detta anche prosa), sopraelevata sul livello del suolo e compresa tra due solchi.”

Se vi è piaciuto questo articolo potete seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook o tra le cerchie di G+, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 4 agosto 2014