Come sbiancare i denti

Come sbiancare i denti

Come sbiancare i denti: rimedi naturali e non per sbiancare i denti velocemente. Dal bicarbonato di sodio ai prodotti che si trovano in farmacia. Costo del trattamento del dentista, penna sbiancante e fai da te.

Oggi vedremo in dettaglio come sbiancare i denti con metodi naturali e non.

Come avere denti bianchi: costo del trattamento dal dentista

Tutti desiderano avere denti bianchi e brillanti. I trattamenti tradizionali per sbiancare i denti dal dentista possono essere efficaci ma possono anche causare problemi come dolore ai denti o un’ipersensibilità.

Il dentista, infatti, per lo sbiancamento dei denti impiega delle soluzioni a base di perossido di idrogeno (acqua ossigenata) altamente concentrata. Questi prodotti garantiscono risultati immediati ma possono aumentare la sensibilità dentale anche se solo provvisoriamente. Quanto dura l’effetto dello sbiancamento? Non è permanente e la durata è soggettiva, diciamo che può durare all’incirca un anno.

Non solo perossido di idrogeno, oggi, dal dentista, è possibile sfruttare tecnologia al laser (durata circa 2 anni) o lampade pulsanti. Il costo di un trattamento per sbicanare i denti dal dentista può variare molto da operatore a operatore, diciamo che quando si parla di tecnologia laser o lampada si parte da 150 euro fino a superare anche 500 euro.

Come sbiancare i denti in modo naturale

Per coloro che sperano di sbiancare i denti senza trattamenti troppo costosi, ecco una serie di consigli che fanno proprio al caso vostro. Come sbiancare i denti, tutti i consigli per avere un sorriso più bianco e anche più sano.

Frutta che fa bene ai denti
Vi siete mai chiesti perché nella pubblicità di alcuni dentifrici c’è sempre qualcuno che morde una mela? I frutti croccanti, proprio come la mela verde, possono sollevare le macchie dai denti grazie a una naturale azione abrasiva. Si comportano come uno spazzolino da denti del tutto naturale. Non solo mele ma anche sedano e carote! Via libera alle fragole mentre più attenzione verso i mirtilli che possono macchiare i denti.

Filo Interdentale
Troppe persone sottovalutano l’importanza del filo interdentale e trascurano ciò che si cela tra un dente e l’altro. Rimuovendo le sostanze poste tra un dente e l’altro il sorriso apparirà più brillante nell’immediato.

Come si usa il filo interdentale? Lo spieghiamo in questo articolo-guida dove non manca un video esemplificativo: come usare il filo interdentale.

Gengive
Quando lavate i denti, fate attenzione a spazzolare per bene anche le gengive. Le gengive dall’aspetto sano e ben curato riusciranno a far risaltare il vostro sorriso.

Formaggi
Ci sono diverse prove che indicano che consumare una piccola quantità di formaggio a fine pasto, possa aiutare non solo a prevenire la carie ma anche a favorire la ri-mineralizzazione dello smalto naturale dei denti. Tale meccanismo è reso possibile grazie al calcio contenuto nei formaggi e il medesimo principio vale anche per lo yogurt.

Xilitolo
Il dolcificante naturale contenuto nelle gomme senza zucchero può aiutare a prevenire la placca. Lo xilitolo neutralizza anche i picchi di pH della cavità orale aiutando la produzione di saliva e… la saliva è il detergente naturale della nostra bocca!

Come sbiancare i denti: bicarbonato di sodio

I rimedi per avere denti bianchi a base di bicarbonato di sodio sono molto controversi. Arriviamo al dunque: bicarbonato di sodio, sì o no?

E’ vero, il bicarbonato di sodio aiuta a rimuovere le macchie superficiali ma a lungo termine non è la soluzione ideale per sbiancare i denti. Il bicarbonato di sodio sembra essere troppo aggressivo tanto che se usato troppo spesso, potrebbe danneggiare lo smalto naturale dei denti, ad affermarlo è Kimberly Harms dell’American Dental Association.

I dentifrici sbiancanti hanno una quantità di sostanze abrasive controllate per non danneggiare lo smalto naturale dei denti, quindi sostituite il vostro classico dentifricio con uno ad azione sbiancante.

Se volete usare il bicarbonato di sodio per sbicanre i denti, spazzolatelo delicatamente sui denti ma non eseguite il trattamento più di una volta a settimana.

Rimedi per sbiancare i denti: quelli da evitare

Tra gli altri rimedi naturali più diffusi per sbiancare i denti è consigliato l’aceto di mele e il limone.  Se il bicarbonato di sodio va usato con attenzione, meglio evitare l’impiego di aceto e limone che, essendo leggermente acidi, possono danneggiare lo smalto dentale.

Come sbiancare i denti con prodotti specifici

In commercio è facile trovare diversi prodotti per sbiancare i denti, tra quelli più consolidati troviamo le Brightely White (o analoghi come White Stripes, Absolute White…), cioè delle strisce adesive applicabili da lasciare in posa sui denti per ottenere un bianco intenso nel giro di pochi giorni. Si tratta di un ottimo trattamento sbiancante fai da te che sfrutta il medesimo materiale usato nello studio dei dentisti: il perossido di idrogeno.

Il risultato dura un anno e, come premesso, in commercio esistono molti prodotti ad hoc, da trovare sia in farmacia, nei supermercati più forniti o sfruttando la compravendita online. Per esempio, a “questa pagina Amazon” si possono trovare delle strisce sbiancanti (28 strisce per un trattamento di 14 giorni, da usare al mattino e alla sera) al costo di 14,99 euro con spese di spedizione gratuite. Anche qui il risultato di un singolo trattamento è garantito per un anno.

Penna sbiancante per avere denti bianchi

Un altro rimedio pronto all’uso per sbiancare i denti è costituito dalla penna sbiancante, questo però non dà un risultato permanente ma provvisorio, infatti la penna sbiancante dovrebbe essere vista e usata alla stregua di un mascara o di un rossetto: si applica sui denti e crea un film invisibile ma in grado di riflettere la luce e restituire un bianco intenso.

Abbiamo scritto una recensione delle penne sbiancanti più efficaci e diffuse sul mercato. Per scoprire come funziona (costa circa 9 euro) e quali sono i risultati, vi rimando alla pagina dedicata: penna sbiancante, opinioni.

Pubblicato da Anna De Simone il 19 maggio 2018