Come rimanere giovani

Come rimanere giovani

Come rimanere giovani: l’elisir di eterna giovinezza chiaramente non esiste, ma ci sono una serie di comportamenti che si possono attuare per rimanere giovani più a lungo possibile. Grossa influenza è dettata dalla nostra salute mentale, pertanto ecco cinque pratici consigli per rimanere giovani più a lungo.

1) ESSERE OTTIMISTI
Guardare le cose dal lato positivo. Gli ottimisti tendono a vivere più a lungo rispetto ai pessimisti riducendo sensibilmente il rischio di morire prematuramente. A quanto pare, la felicità e l’ottimismo aumentano il numero e l’efficacia delle cellule immunitarie, le armi migliori a disposizione dell’organismo per far fronte alle malattie.

2) SMETTERE DI PREOCCUPARSI TROPPO
Facendo un paragone, la preoccupazione è un po’ come l’ansia, o la paura. Sensazioni magari non gradevolissime, ma forse utili. Sollecitano la nostra attenzione, ci avvertono di un pericolo, predisponendoci a un’azione. Quindi, ci aiuta a difenderci da un pericolo, così piccole dosi di preoccupazione o di ansia possono essere estremamente utili e vanno accettate come componenti naturali e sane del nostro repertorio emotivo.
Tuttavia se la preoccupazione, o l’ansia o la paura superano il livello di guardia, non solo diventano inutili, ma diventano esse stesse fonte di malessere.

Se soffriamo di allergie o rischiamo di diventare calvi per esempio può essere dovuto all’ormone dello stress, il cortisolo, i cui alti livelli allarmano il nostro sistema immunitario. Il cortisolo è un ormone prodotto dalle ghiandole surrenali su stimolo della ghiandola ipofisi, ed è quello che generalmente è considerato e identificato come “ormone dello stress”. Ciò perché esso è prodotto dall’organismo nel momento in cui questo è sottoposto a stress, sia che si tratti di uno stress fisico oche si tratti di uno stress psicologico. La funzione del cortisolo è quella di mantenere, in una situazione di stress, le funzioni vitali al meglio delle loro funzioni, riducendo quelle funzioni che non sono, in quel momento, strettamente indispensabili.

Tale attività si esplica nell’abbassamento della funzionalità del sistema immunitario, nell’aumento del tasso di zuccheri nel sangue e nella trasformazione delle proteine in glucosio, in un aumento della quantità di sangue pompato nel cuore e nell’utilizzo dei grassi accumulati. Lo stress protratto nel tempo può causare danni fisici.

Sostanze messaggere come la serotonina, la noradrenalina e la dopamina sono tra le principali sostanze chimiche che iniziano a funzionare male. La serotonina è importante per dormire bene, per la regolazione del nostro orologio interno, per la regolazione della temperatura corporea, per la contrazione della muscolatura liscia dei vasi, dell’intestino, dei bronchi, dell’utero e della vescica, nella regolazione dell’automatismo intestinale, nella modificazione della pressione arteriosa, interviene nei processi allergici e infiammatori, riduce il tempo si sanguinamento, determina la sintomatologia dell’emicrania, etc.

La noradrenalina “setta” i livelli di energia del nostro corpo. Senza noradrenalina nel cervello, ci si sentirà sempre stanchi. La noradrenalina funge da mediatore chimico della trasmissione nervosa, determina la trasmissione degli impulsi nervosi dalle fibre agli organi effettori, controlla il tono dei vasi sanguigni, la muscolatura liscia dell’intestino, dell’utero, dell’iride, la replezione della milza, la produzione pancreatica di insulina, la scissione epatica del glicogeno in glucosio. La dopamina è importante per la produzione delle endorfine, sostanze tra l’altro regolatrici del senso del dolore, nella regolazione del piacere, etc.

3) FARE SESSO PIU’ SPESSO
Recenti studi hanno dimostrato che avere un orgasmo non è solo piacevole, giova anche alla salute! L’orgasmo e più in generale l’eccitazione sessuale, rilasciano due ormoni, il DHEA e l’ossitocina che contribuiscono a diminuire i rischi di cancro al seno e hanno inoltre benefici effetti sul corretto funzionamento del cuore. I riscontri salutari valgono sia per le donne che per gli uomini. Il sesso maschile ne trarrebbe beneficio per i problemi di prostata, mentre quello femminile troverebbe nell’orgasmo un valido alleato contro l’emicrania.

Inoltre sembra ha ripercussioni positive sulla salute in genere, come fonte di benessere fisico e mentale. Uno studio, durato ben 10 anni e condotto sugli uomini del Galles, ha evinto che quelli tra loro che avevano due o più orgasmi a settimana, dimezzavano le loro probabilità di morire rispetto a quelli sessualmente meno attivi. Anche se non avete un partner va bene anche masturbarsi.

L’ormone DHEA per rallentare gli effetti dell’invecchiamento può essere assunto anche attraverso appositi integratori in capsule acquistabili online.

4) AVERE UN’ATTIVA VITA SOCIALE
Attività sociali e relazionali indubbiamente migliorano la qualità e l’aspettativa di vita. Statisticamente le persone più socialmente attive fumano meno, mangiano meglio e praticano regolarmente attività fisica.

5) USARE IL CERVELLO
Come il corpo, il cervello ha bisogno di esercizio. La longevità è legata anche alla propria esecuzione e alla propria attività intellettuale. Assicurarsi di imparare cose nuove e tenere in esercizio la memoria.

Altri nostri articoli che potrebbero interessarti:

Come tenersi in forma

Come rassodare la pancia

 

Pubblicato da Anna De Simone il 26 gennaio 2012