Come proteggere la pelle dal freddo

Come proteggere la pelle dal freddo

Come proteggere la pelle dal freddo, senza rovinarla per altri motivi, senza impazzire e senza ricorrere a prodotti troppo costosi è una cosa che ci si chiede soprattutto verso gennaio. E fino ai giorni della Merla, e oltre, è necessario dare una risposta. Proveremo a farlo in modo semplice e sincero, senza inventare strambi metodi ma considerando che nella giornata si ha anche altro da fare oltre a pensare a Come proteggere la pelle dal freddo.



Proteggere la pelle dal freddo: perché

Non è legato a quanto siamo freddolosi o calorosi, il problema di come proteggere la pelle dal freddo. Quando le temperature sono basse e l’umidità ci gioca brutti scherzi, la nostra cute ne risente. Mani, viso, ma anche le labbra e anche se non salta subito agli occhi, alla lunga anche chi non sente freddo è bene che si copra e si protegga. E’ una questione anche di buona circolazione, non solo di estetica.

Proteggere la pelle dal freddo: creme

Le creme sono una delle soluzioni che più spesso si adottano quando si tratta di capire Come proteggere la pelle dal freddo. Prima ancora sarebbe bene verificare di essere sufficientemente idratati anche dall’interno e se fatichiamo a bere acqua, dedichiamoci bevande calde, come tè e tisane.

La crema però è necessaria e utile, prima di uscire di casa al mattino e anche la sera, cercando di scegliere quelle con ingredienti naturali e certificate come biologiche, in particolare con una azione nutriente e idratante. Anche un olio di Semi di Rosa Canina è perfetto per chi sta cercando Come proteggere la pelle dal freddo e, già che ci siamo, provvediamo anche a sistemare gli effetti di cicatrici, smagliature, rughe e imperfezioni. Su Amazon a 27 euro ci trovano boccette da 60 ml di ottima qualità.

Come proteggere la pelle dal freddo

Proteggere la pelle dal freddo: rimedi naturali

Per fare un passo oltre, oltre la crema, e stando nell’ambito di olio per il corpo, possiamo spalmarci dopo la doccia con alcune gocce di olio di jojoba. Applichiamolo a pelle ancora umida e ci idraterà nutrendo la pelle. Un effetto simile lo hanno l’olio di sesamo e il burro di karité. Quando si pensa a Come proteggere la pelle dal freddo, non ci si deve dimenticare che oltre al viso ci sono anche le mani di cui curarsi e non solo indossando i guanti.

Come proteggere la pelle dal freddo

Come crema per le mani, scegliamone una ricca di ingredienti biologici e nutrienti. Anche le labbra sono da proteggere più che mai in inverno e come rimedio naturale è ottima la paraffina che fa da vera barriera contro il freddo. Se però vogliamo anche un effetto idratante, meglio un burrocacao anche fai-da-te.

Proteggere la pelle dal freddo: consigli

Anche a tavola possiamo imparare Come proteggere la pelle dal freddo, ad esempio preferendo un menu che contenga abbondanti quantità di noci, legumi, melograno e agrumi. Bere è essenziale ma oltre all’acqua, in inverno, va sorseggiato il tè verde.

Quando siamo in casa o in ufficio, non pensiamo che il Come proteggere la pelle dal freddo sia cosa che non ci riguarda. E’ importante che l’ambiente non sia troppo secco per la nostra cute e se lo è, rimediamo con contenitori per l’acqua che si posizionano sui termosifoni.

Come proteggere la pelle dal freddo

Quando ci laviamo o laviamo la casa, i piatti, i vestiti, è più che mai importante scegliere detergenti e saponi liquidi che non contengano Sodium laureth sulfate. E se stiamo facendo la doccia, oltre che al bagno schiuma, dobbiamo badare anche alla temperatura dell’acqua. In inverno si sogna sempre la classica doccia “bella bollente” ma non è quello che fa per noi se vogliamo capire Come proteggere la pelle dal freddo.

L’acqua troppo calda tende a privare la pelle della propria barriera protettiva naturale rendendola meno idratate e vulnerabile. Nessuno ci obbliga né ci consiglia una doccia ghiacciata ma non superiamo i 36-37 gradi.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest

Vi potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 2 gennaio 2017