Casa fresca senza condizionatore

casa fresca senza condizionatore

Casa fresca senza condizionatore, una guida su come rinfrescare casa dedicata a quella minoranza che non ha installato condizionatore o climatizzatore.

Diciamolo subito, avere casa fresca senza aria condizionata è possibile solo se la casa è ben coibentata e se dispone di zone in ombra da sfruttare. In altre situazioni è davvero difficile rinfrescare casa senza condizionatore. Fronteggiare la calura estiva si fa, anno dopo anno, sempre più difficile. La colonnina di mercurio, quest’estate, ha toccato i record più alti di sempre mettendo in difficoltà chi vive in una casa senza aria condizionata.

Un ventilatore può aiutarci a rinfrescare casa soprattutto se lo usiamo in concomitanza con alcuni accorgimenti.

Nelle ore più calde della giornata tenete chiude tapparelle, finestre, porte e tende, soprattutto se sono esposte a Sud. Nelle prime ore del mattino, invece, aprire porte e finestre per il ricambio d’aria, anche se nelle giornate di estrema afa non andrebbero aperte tutte neanche al mattino presto, in questi casi particolari aprite solo porte e finestre esposte a nord o in zone in ombra. Provate a ombreggiare casa con tende solari, alberi sapientemente coltivati o con delle coperture provvisorie da installare solo nei periodi estivi.

Non usate gli elettrodomestici che generano calore come fornelli, forno, piastra per capelli, asciugacapelli… Fate attenzione anche all’illuminazione, che tipo di lampadine avete? Molte lampadine si surriscaldano per emettere luce e producono calore, meglio usare delle lampadine a basso consumo con tecnologia LED.

Come premesso, per avere casa fresca senza condizionatore sarà necessaria una struttura edile ben coibentata. Di quali materiali è costituita la vostra abitazione? Cemento, roccia, mattoni, tufo…. questi materiali, se esposti al sole, assorbono calore e lo trasmettono all’interno della casa (continuano a farlo anche di notte), quindi sarà davvero difficile rinfrescare gli ambienti senza aria condizionata. Un intervento di ristrutturazione (agevolato con uno sgravio fiscale fino al 65%) può coibentare casa e regalarvi la freschezza che meritate.

L’aria condizionata fa male?
Certo, rinfrescare casa in modo naturale da un lato tutela in nostro organismo, tuttavia, quando l’afa è soffocante è consigliato l’impiego di un condizionatore soprattutto agli anziani e a chi soffre di pressione bassa.

Incentivi per l’acquisto di un condizionatore
Acquistare un condizionatore può essere economicamente impegnativo ma sappiate che avete a disposizione due differenti tipi di incentivi: da un lato potete comprare un climatizzatore di classe energetica A+, A++ o A+++ usufruendo del Conto termicoun’agevolazione erogata sotto forma di rimborso spesa con uno o due assegni che vanno a coprire buona parte del costo del condizionatore. Dall’altro è disponibile il bonus elettrodomestici messo a disposizione dalla legge di stabilità, erogato in forma di detrazione fiscale e accessibile solo a chi, insieme all’acquisto del condizionatore, esegue dei lavori di ristrutturazione.

 

Pubblicato da Anna De Simone il 17 agosto 2015