Cane da ferma Tedesco a pelo corto

 Cane da ferma Tedesco a pelo corto

Cane da ferma Tedesco a pelo corto nel suo paese di origine si chiama Deutscher Kurzhaar e ci tiene molto ad essere così definito, ben fiero di essere nato in Germania e di appartenere al gruppo dei Cani da ferma. Ha una taglia media e morfologicamente cade nella categoria dei Braccoide, dalla forma del muso lo si può intuire, come anche dal suo aspetto distinto ed armonico.



E’ un cane certamente che può vantare performance fisiche ammirevoli, è resistente e forte, oltre che molto veloce, ma non ha un aspetto rustico, anzi. La testa fine, la coda portata in modo composto e il pelo brillante gli danno un aspetto molto nobile ed elegante.

Cane da ferma Tedesco a pelo corto: caratteristiche

Alto fino a 66 cm al garrese, il Cane da ferma Tedesco a pelo corto ha un corpo muscoloso ma asciutto, il torace è profondo ma proporzionato, il dorso non deve allungarsi troppo e l’addome è meglio che resti in rilievo. Gli arti sono lunghe ma dotati di una struttura robusta, torniti di muscoli e dritti, con piedi compatti e unghie forti, la coda parte grossa alla base e ha una lunghezza media.

La testa del Cane da ferma Tedesco a pelo corto è asciutta e ben cesellata, larga e con un muso forte e lungo che termina con il tartufo leggermente prominente. Di solito è bruno ma se il mantello ha fondo bianco, può essere anche color carne o addirittura maculato. Il colore degli occhi migliore è il bruno scuro, essi non sono né sporgenti, né infossati e hanno una dimensione media, le orecchie hanno una forma allungata, partono larghe alla radice e al tatto non sono né troppo carnose, né troppo fini.

Il pelo del Cane da ferma Tedesco a pelo corto è sempre corto e duro, non particolarmente soffice da accarezzare ma adatto a stare all’aperto, sulle orecchie e sulla testa è più corto rispetto ad altre zone come la parte inferiore della coda. Lo standard di razza ammette numerose colorazioni, dal bruno senza macchie al bruno e bianco, fino al bruno con macchiette su petto e arti ma ci sono anche esemplari roano bruno scuro, roano bruno chiaro, bianchi con testa bruna e neri con sfumature.

 Cane da ferma Tedesco a pelo corto

Cane da ferma Tedesco a pelo corto: temperamento

Questa razza è molto apprezzata sia per le sue qualità estetiche, sia per le sue doti “sul campo”è importante tenerlo in perfetta forma, quindi, e far sì che possa fare molto movimento. Anche perché ama la libertà e gli spazi aperti, possibilmente verdi.

Ha un fiuto imbattibile e uno spirito, oltre che un fisico, da atleta, il cuore buono e un carattere fedele. Al padrone si affeziona molto, si adatta a ogni tipo di clima e si mostra ubbiudiente, non perché sottomesso ma perché particolarmente intelligente.

 Cane da ferma Tedesco a pelo corto

Cane da ferma Tedesco a pelo corto: cuccioli

I primi cuccioli di Cane da ferma Tedesco a pelo corto con l’aspetto che oggi conosciamo sono nati dopo il 1895, quando i caratteri della razza hanno iniziato a stabilizzarsi, dopo le prime prove di lavoro sul terreno. Oggi questa razza è molto diffusa, la più nota in Italia tra i Kurzhaar, amatissima in Germania, e in tutta Europa.

Il lavoro di selezione risale al XVII secolo, siamo in Prussia e gli incroci iniziali furono tra Bracco Spagnolo e Bracchi franco-italiani, più eleganti, c’è anche l’ipotesi che il Cane da ferma Tedesco a pelo corto abbia un po’ di sangue del Bracco Belga, oppure del Bloodhound. Essendo molto noto, le teorie sulla sua origine sono molteplici, c’è anche quella che lo affianca al Pointer.

 Cane da ferma Tedesco a pelo corto

Allevamenti di Cane da ferma Tedesco a pelo corto

Solo in Italia, che non è neppure la sua patria, il Cane da ferma Tedesco a pelo corto ha quasi cento allevamenti a suo nome, lo dice il sito di ENCI, quindi sono tutti ufficialmente riconosciuti. Le regioni che ne ospitano di più sono la Lombardia, con 27, e l’Emilia Romagna, con 15, se date però un occhio al sito di ENCI troverete certo quello più comodo, ce ne sono in ogni regione o quasi.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest  

Articoli correlati che potrebbero interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 13 novembre 2016