Bicarbonato di sodio in agricoltura

bicarbonato di sodio in agricoltura

Bicarbonato di sodio in agricoltura: consigli su come usare il bicarbonato di sodio come fungicida naturale per la cura delle piante dell’orto. Gli usi del bicarbonato di sodio in agricoltura biologica.

Il bicarbonato di sodio si presenta come una polvere cristallina, di colore bianco e molto fine. Perché il bicarbonato di sodio è usato in agricoltura biologica? Perché è composto da una miscela di sali alcalini che creano un ambiente sfavorevole alla crescita di funghi. E’ per questo motivo che il bicarbonato di sodio, in agricoltura (e non solo), è considerato un fungicida naturale.

Bicarbonato di sodio, cos’è

Chimicamente conosciuto come idrogenocarbonato di sodio carbonato acido di sodio ed è un sale di sodio dell’acido carbonico.

Nell’industria alimentare, il bicarbonato di sodio è usato come additivo e segnalato con sigla E 500. E’ usato nell’industria alimentare come correttore di acidità e agente lievitante. Anche in ambito domestico, c’è chi prepara il pane con il bicarbonato di sodio! Il pane con bicarbonato di sodio è un tipo di pane scarsamente lievitato detto anche soda bread.

Il bicarbonato di sodio a temperatura ambiente, si presenta come una polvere cristallina bianca.

Bicarbonato di sodio, usi

Pulire con il bicarbonato di sodio è una pratico molto diffusa nelle faccende domestiche. Tutti considerano il bicarbonato di sodio un buon “disinfettante”, un ottimo agente “anti-odore” e anche un fungicida naturale, eppure sono poche le persone che decidono di curare le piante dell’orto con il bicarbonato.

Gli usi del bicarbonato di sodio sono molteplici. Nella cosmesi naturale è usato per eliminare i punti neri, per la pulizia del viso e per la preparazione di creme fai da te.

Nell’igiene domestica è usato per lucidare l’argenteria, per ammorbidire il bucato, per profumare il frigorifero e per igienizzare le superfici della casa.

Nell’orto e in agricoltura biologica, il bicarbonato di sodio trova altrettanti impieghi benefici.

Come usare il bicarbonato di sodio in agricoltura

Gli usi in agricoltura biologica del bicarbonato di sodio sono poco conosciuti, si tratta di un ottimo alleato per la cura naturale dell’orto.

Il bicarbonato di sodio in agricoltura è usato per il controllo di molte malattie fungine come l’oidio e la peronospora. Come funziona?

Le soluzioni di acqua e bicarbonato di sodio creano un ambiente alcalino sfavorevole alla crescita dei funghi che preferiscono ambienti acidi. quando le spore, che sono sempre presenti nell’aria, trovano le condizioni ambientali adatte per la proliferazione, può verificarsi un processo di infezione con conseguente malattia delle piante.

Se, invece, le piante sono state trattate con il bicarbonato, le spore trovano un ambiente non adatto al loro sviluppo.

Attenzione!
Alcuni blogger affermano che il bicarbonato di sodio può essere usato senza alcuna controindicazione per l’orto ma questo è vero solo in parte.

Il sodio è molto tossico per la sopravvivenza delle piante quindi bisogna assicurarsi di nebulizzare la soluzione solo sulla parte aerea della pianta, impedendo che l’acqua in cui è disciolto in bicarbonato entri in contatto con il suolo. Poche gocce d’acqua non rappresentano un problema, ma usare l’acqua con bicarbonato di sodio disciolto come acqua irrigua potrebbe causare seri danni alle piante.

Bicarbonato di sodio, fungicida naturale

Per il trattamento di oidio, peronospora, mal bianco, muffa grigia e altre malattie fungine delle piante, oltre ai comuni anticrittogamici è possibile avvalersi del bicarbonato come fungicida naturale ammesso in agricoltura biologica.

Dopo aver potato e arieggiato la chioma della pianta da trattare, eseguite un trattamento con bicarbonato di sodio. In che modo?

Sciogliete 100 grammi di bicarbonato di sodio in 10 litri d’acqua e irrorate questa soluzione su tutta la chioma della pianta da trattare. Per migliorare l’efficacia di questo trattamento, spostate le piante colpite in una zona soleggiata.

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Anna De Simone il 23 febbraio 2017