Antisettico: significato

Antisettico

Antisettico è una parola che fa venire subito in mente un detersivo o un disinfettante, ma anche il miele è da considerarsi tale e perfino il calore lo è, è addirittura il più comune antisettico presente in natura perché, se ben ci si pensa, le alte temperature sono utilizzate come antisettici per strumenti ed abbigliamento.



Antisettico: significato

Calore, miele, detergenti... cosa sono gli antisettici? Si tratta di mezzi fisici o chimici dotati della capacità di impedire o rallentare lo sviluppo dei microbi sia all’esterno sia sulla superficie o all’interno di un organismo.

Proprio perché sono molti e gli uni diversi dagli altri, gli antisettici devono essere divisi in categorie e lo si può fare in modi diversi. In funzione del loro meccanismo d’azione, oppure della loro struttura chimica, oppure ancora della tipologia d’uso cui sono destinati. Ci sono quelli che possiamo applicare solo sulla pelle priva di lesioni, ad esempio, altri invece che sono nello specifico consigliati in presenza di ferite o mucose.

Più in generale possiamo dividere gli antisettici in due gruppi, quelli che uccidono del tutto i microorganismi, come i battericidi, e quelli che semplicemente arrestano o rallentano la crescita e lo sviluppo ma non li uccidono, come i batteriostatici.

Antisettico: sapone

Molti saponi hanno un potere antisettico, fortunatamente, tutti lo dovrebbero avere perché lo scopo per cui si utilizza un sapone di solito è proprio quello di dichiarare guerra ai microbi per allontanarli o ucciderli in modo che non ci creino problemi di salute.

Come accennato, può accadere che alcuni saponi siano in grado di trattare cute lesa o mucose, e allora sono detti “medicinali” e devono essere identificati attraverso il relativo numero di Autorizzazione all’Immissione in Commercio (AIC) rilasciato dall’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA). Ci sono anche saponi però che vengono usati quando la pelle non presenta ferite e che sono ottimi per cacciare i microbi da essa, in tal caso sono dei detergenti ma non dei farmaci.

In questa seconda categoria rientrano anche quei prodotti per la terapia iniettiva e per la preparazione del campo operatorio che vengono definiti “presidi medico chirurgici”.

Antisettico lavaggio

Ciò che vale per il sapone, vale anche più in generale per i prodotti che possiamo usare per lavare vestiti oppure oggetti. Alcuni uccidono i batteri, altri li cacciano, ma sono sempre “biocidi”. Il Decreto Legislativo 25/02/2000 n. 174 li definisce come ” i principi attivi e i preparati contenenti uno o più principi attivi, presentati nella forma in cui sono consegnati all’utilizzatore, destinati a distruggere, eliminare, rendere innocui impedire l’azione o esercitare altro effetto di controllo su qualsiasi organismo nocivo con mezzi chimici o biologici”.

Antisettico

Antisettico disinfettante

Quando si utilizza un antisettico, esso può avere il compito di disinfettare ma è importante che nello svolgerlo, non arrechi danno anche ad altri soggetti diversi dal germe che deve essere cacciato o ucciso. E’ una precisazione importante da fare, soprattutto quando l’antisettico in questione è potente.

A livello chimico esso ha azione, oltre che sul germe ospite, anche sull’apparato ospitante e ne può ledere le cellule. Negli anni, da tempo, la ricerca sugli antisettici ha sempre cercato di creare antisettici attivi il più possibili innocui per tutto ciò che non è microbo, germe e batterio.

Antisettico naturale

Il calore è l’antisettico più utilizzato, naturale, ed è molto efficace. Basta fare mente locale per farsi tornare in mente quante volte per disinfettare si utilizzano le alte temperature. L’esistenza di antisettici naturali, che sono tanti, oltre al calore, è da sottolineare con forza perché si ricorre sempre troppo spesso agli antibiotici verso cui si rischia di sviluppare una sorta di resistenza da assuefazione.

Antisettico

Antisettico: miele

Il miele ha delle interessanti proprietà antisettiche e antinfiammatorie, viene spesso e da tempo usato contro i supergermi antibiotico-resistenti. A volte funziona più di altri prodotti chimici anche nel guarire delle ferite.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbe interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 2 gennaio 2018