Umidità e muffa in casa: quali cause?

umidità-muffa-in-casa

Umidità in casa significa muffa. E la muffa in casa è un problema serio: si forma sui muri e negli angoli e non solo puzza (il classico odore di muffa) ma favorisce la prolificazione di germi patogeni pericolosi per la salute. Umidità e muffa in casa predispongono alle malattie reumatiche e respiratorie.

Umidità e muffa in casa sono anche un danno economico. Nei vecchi palazzi sono spesso evidenti i danni prodotti dall’umidità nelle murature dei vecchi palazzi, dovuti al trascorrere del tempo (in edificio datato qualche infiltrazione è norme) alla scarsa manutenzione, alla insufficiente protezione dal suolo, alla scarsa ventilazione o altro ancora.

Gli stessi inconvenienti, però, possono verificarsi anche in edifici recenti e si manifestano nella distruzione degli intonaci, della malta di connessione, nella degradazione delle pietre naturali e nel marciume sui legnami. Quando succedono queste cose, e in un edificio nuovo è ancora più fastidioso, di sicuro c’è un problema di umidità in casa.

A ben vedere, oggi il problema dell’umidità nelle abitazioni e nelle costruzioni in genere è ancora più complesso che in passato. Questo perché è aumentato il ‘peso’ di variabili quali le caratteristiche termiche dei muri, la temperatura interna associata a quella esterna, le fonti di produzione di vapore, i ponti termici le modalità di riscaldamento e altro ancora.

La muffa in casa è un guaio, ma per sapere quanto ci si deve preoccupare occorre prima di tutto individuarne le cause, che possono essere tante.

I problemi possono essere grandi o piccoli. Allo stesso modo, non tutte le tipologie di muffa sono gravi in modo uguale. Alcune dipendono da cause eliminabili o prevenibili con un po’ di accortezza. Questo vale per esempio per:

  • umidità dovuta a insufficiente prosciugamento dei muri negli edifici nuovi (trascorso un congruo periodo di asciugatura il problema si risolve);
  • umidità per cattiva costruzione della copertura (fatte le opportune riparazioni il problema si risolve);
  • umidità per cattiva manutenzione del fabbricato, per esempio tubi che perdono (fatte le opportune riparazioni il problema si risolve).

Decisamente più complicato è quando la muffa dipende da:

  • umidità proveniente dal terreno (la cosiddetta umidità di risalita capillare, si può risolvere in alcuni casi con un dispositivo elettrico);
  • umidità da condensazione (segnala la mancanza o l’insufficienza dell’isolamento termico delle pareti);
  • umidità dovuta a infiltrazione di pioggia battente.

Come si manifesta un problema di umidità in casa? Dipende dalla superficie interessata, le manifestazioni più comuni sono le seguenti:

  • superfici in gesso: rigonfiamenti e distacchi;
  • pitture: decolorazione, colature d’olio, la superficie diventa adesiva, rigonfiamenti e scaglie;
  • intonaci di calce: rigonfiamenti e distacchi;
  • malte: rigonfiamenti, macchie bianche, fessurazioni.
  • metalli: corrosione;
  • pavimenti: distacco del rivestimento impermeabile, putrefazione;
  • legno: distorsione e sollevamento;
  • materiali impermeabili: bolle.

Per leggere il parere di un esperto vi consigliamo anche il nostro articolo: Umidità di risalita: come eliminarla per sempre

Pubblicato da Michele Ciceri il 23 giugno 2014