Giappone, i treni ad alta velocità

shinkansen-bullet-train-and-mount-fuji-japan

Si chiama Shinkansen ed è la rete ferroviaria giapponese dei treni ad alta velocità. Sono conosciuti come “treni proiettile”, in giapponese dangan ressha. I treni veloci del Giappone hanno una storia piuttosto fitta: il primo treno ad alta velocità ha cavalcato i binari giapponesi nel lontano 1964 portando i passeggeri da Tokyo a Osaka. 

Il progresso dei treni veloci giapponesi ha un futuro a lungo termine: nell’estate 2013 la nazione ha testato un nuovo treno ad alta velocità, il primo prototipo della prossima generazione di treni veloci. Anche questo sfrutta la tecnologia maglev, a levitazione magnetica, e ha raggiunto una velocità da record. Parliamo di 310 mph, oltre 500 km/h (per la precisione, parliamo di 515 km/h!).

GUARDA LE FOTO DELI TRENI GIAPPONESI

La prossima generazione di treni ad alta velocità porta la sigla “L0”, si tratta dei treni più veloci del mondo e diventeranno routine a partire dal 2027 sulla linea che collega Tokyo a Nagoya. Tokyo e Nagoya distano tra loro 351 km, i cittadini impiegheranno solo 40 minuti per coprire questa distanza!

I primi treni ad alta velocità si sono fatti notare in occasione delle Olimpiadi estive del 1964. In primo momento l’alta velocità si traduceva in 130 mph (209 km/h) fino a raggiungere il record mondiale stabilità la scorsa estate sempre sulla rete ferroviaria di Shinkansen. La tecnologia giapponese è invidiata da tutto il mondo: i treni ad alta velocità disseminati tra Cina, Corea del Sud o qui in Europa, non superano la velocità di 322 km/h. Negli Stati Uniti, solo oggi stanno lavorando su una rete ferroviaria ad alta velocità capace di portare i passeggeri da NYC fino a Boston in soli 94 minuti viaggiando a una velocità di 354 km/h. Negli USA, la linea ferroviaria più veloce raggiunge appena una velocità di 241 km/h.

GUARDA LE FOTO DELI TRENI GIAPPONESI

Ti potrebbe interessare anche approfondire la levitazione magnetica

Foto | shoutot.com

Pubblicato da Anna De Simone il 3 gennaio 2014