Tastiera laser da taschino

A volte è proprio vero, le dimensioni contano! Più piccola è una device e più ci piace. I nostri dispositivi non devono essere solo piccoli ma anche avere un look accattivante e praticità d’uso, insomma, devono soddisfarci! A rispondere alle nostre esigenze è la Virtual Keyboard, piccola quanto un portachiavi e funzionale come una classica tastiera QWERTY.

In sala stampa o all’università, quante volte vi è capitato di prendere note o scrivere email con il vostro smartphone? Il risultato è devastante per noi e per chi riceve il messaggio: basterà pensare a quando vogliamo scrivere la parola “stare” e il nostro iPhone parte con quel fastidioso “Sto arrivando!”, beh, in quel momento vorrei sbarazzarmi del compatto touchscreen Apple e sfoggiare una grossa e comoda tastierona! Solo che non c’è mai abbastanza spazio in borsa…  Virtual Keyboard cambierà il nostro destino da “scribacchini” infelici.

GUARDA LE FOTO DELLA VIRTUAL KEYBOARD

Virtual Keyboard è una tastiera laser dove il fascio di luce che compone i tassti è emesso da un piccolo portachiavi. La tecnologia laser proietta una tastiera virtuale dalle “dimensioni comode” così da farci digitare i nostri testi su qualsiasi superficie. Non fatevi ingannare dalle dimensioni esigue del dispositivo, è vero ha le sembianze di un portachiave ma possiede tutta la tecnologia necessaria a ricreare una tastiera virtuale con ottiche avanzate capaci di cogliere ogni mossa delle nostra dita “pulsante virtuale dopo pulsante virtuale”.

GUARDA LE FOTO DELLA VIRTUAL KEYBOARD

Quando abbiamo finito la nostra opera, ci basterà spegnere il proiettore. La Virtual Keyboard si connette allo smartphone in modalità wireless mediante Bluetooth, è munita di batterie ricaricabili agli ioni di litio, la ricarica avviene mediante connessione USB e se avete uno zaino con pannello solare potete ricaricarla anche in borsa! La Virtual Keyboard costa 99 dollari e dopo averla acquistata su brookstone.com non saremo più costretti a subire quei tasti minuscoli!

Pubblicato da Anna De Simone il 19 novembre 2012