Seminare il prato in estate

Seminare il prato in estate

Come seminare il prato in estate: come gestire la semina del prato nei mesi di giugno, luglio, agosto e settembre. Preparazione del terreno e semina.

Come seminare il prato a giugno o a luglio

Seminare il prato a giugno o a luglio può essere svantaggioso: il manto erboso trova una forte concorrenza e deve combattere con le infestanti per popolare il suolo. Lo stesso avviene in primavera, per questo motivo, la semina del prato nella parte finale dell’estate, sarebbe da preferire alla classica semina della primavera. Anche in primavera, infatti, con l’aumento delle temperature, i semi delle infestanti, già presenti e dormienti nel terreno, iniziano a vegetare e competere con i semi del prato. Agosto e settembre sono i mesi più favorevoli per la semina del prato, proprio perché le giovani piante, una volta germinate, non troveranno grossa competizione.

Se stai pensando di seminare il prato a luglio o a giugno, temporeggia un po’ e dedicati alla preparazione del terreno: esegui la semina del prato a fine estate, cioè tra agosto e settembre.

Seminare il prato in estate: preparazione del terreno

I mesi di agosto e settembre sono ideali per la semina estiva del prato. Prima di eseguire la semina, dovrai assicurarti di preparare bene il suolo.

Lavora il terreno con una vangatura profonda e arricchisci il terreno. Se usi del letame (solo a patto che sia ben maturo), incorporalo con la vangatura, se usi un concime specifico, distribuiscilo a spaglio sul terreno già vangato. Per facilitare la concimazione del terreno, usa un spandiconcime. L’ideale sarebbe l’impiego di un concime per il prato NPK tipo 11-22-16 nel tenore di 4 kg per 100 mq.

Per le successive concimazioni del prato ti consiglio di consultare il calendario presente nell’articolo Concimazioni del prato. Noterai che per ogni stagione ed epoca di crescita, dovrai usare un concime con più o meno azoto. In estate, infatti, il fertilizzante da usare per il prato è a basso tenore di azoto ed elevato tenore di fosforo e potassio.

Il terreno, al momento della preparazione del letto di semina, dovrà essere interrato di 10 cm di profondità usando un forcone (ideale per piccoli giardini) oppure con una fresatura (ideale per un letto di semina medio-grande).

Durante la preparazione del letto di semina, con un rastrello, dovrai assicurarti di rompere tutte le zolle e soprattutto asportare sassi, pezzi di radici e agglomerati vari. Al termine della preparazione, il letto di semina del prato dovrà risultare soffice, omogeneo e spianato.

Come seminare il prato in estate

Solo dopo aver preparato il letto di semina sarà possibile eseguire la vera e propria semina del prato. Puoi seminare il prato solo se il terreno non è troppo umido. Come seminare il prato?

Per avere una semina omogenea, usa un’apposita macchinetta spargiseme. In alternativa puoi seminare a spaglio ma, in questo caso, dovrai fare molta attenzione a non creare zone a elevata densità di semi e zone dove i semi sono meno numerosi. L’uniformità, in questa fase, è la tua priorità!

Una volta distribuiti i semi, manovra con delicatezza un rastrello per ricoprire i semi di prato ed eliminare gli ultimi elementi più compatti e grossolani.

La spargiseme può esserti utile anche in fase di concimazione (puoi usarla anche per spargere il concime in modo uniforme), non solo al momento della preparazione del terreno ma per concimare il prato anche 20 giorni dopo la semina, in autunno e per la successiva primavera. Una buona spargisemi si compra su Amazon al prezzo di 47,68 euro e spese di spedizione gratuite. Per tutte le informazioni ti rimando alla “pagina spargiseme Scotts“. Puoi trovare spargisemi anche presso consorzi agrari e garden center, al momento dell’acquisto, assicurati solo che le ruote siano di buona fattura e che il carrello che usi per spingere sia abbastanza alto da non farti abbassare con la schiena!

Se abiti in una zona ventosa, puoi fare una leggera rullatura per far aderire bene i semi al suolo. Altrimenti puoi saltare questa parte.

Due settimane dopo la germinazione, quindi orientativamente 20 – 25 giorni dopo la semina, dovrai procedere con una seconda concimazione di supporto alla crescita, questa volta il concime deve essere a elevato tenore di azoto (NPK tipo 12 – 6 – 18).

Quando l’erba avrà raggiunto 5 cm, esegui una seconda rullatura con terreno e vegetazione ben asciutto. Dopo 4 – 5 giorni dalla rullatura, puoi eseguire il primo taglio del prato. Riduci l’altezza del prato da 5 cm a 3 cm.

Chi abita nell’estremo settentrione d’Italia, dovrà eseguire il primo taglio entro la prima metà di settembre così da non rischiare che il prato possa soffrire per l’arrivo dei primi freddi autunnali.

Pubblicato da Anna De Simone il 24 luglio 2018