Semi di lino, proprietà e utilizzi

semi di lino

Semi di lino, proprietà e utilizzi. Come usare i semi di lino in cucina, come rimedio di bellezza o in cosmesi naturale, per il benessere di pelle e capelli.

Grazie alle loro proprietà benefiche, i semi di lino sono delle perle di salute. La caratteristica principale dei semi di lino è l’elevato contenuto di acidi grassi polinsaturi: sono un’inestimabile fonte di acidi grassi omega 3, tra le migliori nel regno vegetale.

Semi di lino, calorie e valori nutrizionali

semi di lino fanno dimagrire? Sono ricchi di mucillagini e gli acidi grassi hanno un effetto saziante, tuttavia si tratta di semi oleosi e come tali sono molto calorici.

100 grammi di semi di lino apportano circa 534 calorie (2.230 kJ), 42 g di acidi grassi (soprattutto polinsaturi), 27 grammi di fibre e 18 grammi di proteine. L’elevata quantità di fibra insolubile e di mucillagini aiutano a contrastare e prevenire la stitichezza.

Semi di lino, proprietà

Grazie all’alto contenuto di acidi grassi, Omega 3 e Omega 6, i semi di lino aiutano a mantenere il corretto funzionamento del  sistema immunitario, a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari,  infiammatorie e neurodegenerative. I semi di lino aiutano a tenere sotto controllo la pressione sanguigna e ad abbassare il colesterolo “cattivo”.

I semi di lino sono ricchi di sali minerali tra cui manganese, fosforo, rame e magnesio e ricchi di vitamine tra cui quelle del gruppo B, in particolare la vitamina B1. Contiene inoltre una grossa percentuale di Vitamina E le cui proprietà antiossidanti sono in grado di combattere i radicali liberi. Vediamo in dettaglio i valori nutrizionali di questo alimento. I dati fanno riferimento a 100 grammi di prodotto:

  • Calorie: 534 kcal
  • Carboidrati: 28,88 g
    di cui, da zuccheri 1,55 g, da fibra alimentare 27,3 g
  • Grassi: 42,16 g
    di cui saturi 3,66 g, monoinsaturi 7,52 g e polinsauti 28,73 g
  • Proteine: 18,29 g

Per quanto riguarda i micronutrienti, vediamo un apporto di queste vitamine:

  • Vitamina B1: 1,66 mg
  • Vitamina B2: 0,16 mg
  • Vitamina B3: 3,08 mg
  • Vitamina B5: 0,98 mg
  • Vitamina B6: 0,473 mg
  • Vitamina C: 0,6 mg

Non contiene vitamina B9. Tra i sali minerali:

  • Calcio: 255 mg
  • Magnesio: 392 mg
  • Ferro: 5,73 mg
  • Fosforo: 642 mg
  • Potassio: 813 mg
  • Zinco: 4,34 mg

Informazioni utili: gli acidi grassi Omega3 e Omega 6 sono detti acidi grassi essenziali perché vengono assunti solo attraverso l’alimentazione dato che il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli. I semi di lino rappresentano un’ottima fonte di Omega 3 e Omega 6.

Semi di lino, utilizzo

I semi di lino si possono usare per arricchire il condimento di pasta e riso. Si possono aggiungere alle insalate, alle zuppe o minestroni. Possono essere assunti anche da soli: l’ideale sarebbe un cucchiaio (circa 6 grammi) al mattino, a digiuno, accompagnato da un abbondante bicchiere di acqua.

semi di lino si possono aggiungere a tante ricette. Se preparare focacce, pizza o pane, potete semplicemente aggiungere i semi di lino all’impasto, prima di infornare.

Semi di lino per i capelli

In cosmesi naturale, i semi di lino sono molto indicati per la cura dei capelli. Sono indicati per capelli opachi e sfibrati: ci sono molti prodotti a base di semi di lino come creme, shampoo e olii.

Vi serve la ricetta di un preparato fai da te a partire da semi di lino? Per usare i semi di lino sui capelli vi basta lasciare per una notte i semini (integri o macinati) in ammollo, cuocerli poi per mezz’ora nella stessa acqua, a fuoco medio.

Filtrare la miscela ottenuta per eliminare i semi. Passate la lozione sui capelli asciutti, lasciare agire per 20 minuti poi risciacquare con uno shampoo neutro. Dopo una decina di trattamenti i capelli saranno più forti, lucidi e rinvigoriti

Una lozione ancora più nutrienti si preparare aggiungendo qualche cucchiaio di olio di mandorle dolci o olio di macadamia.

Dove comprare i semi di lino

I semi di lino ormai si trovano facilmente in molti supermercati. Chi preferisce può sfruttare la compravendita online dove i prezzi sono più competitivi. Su Amazon, per esempio, mezzo kg di semi di lino si compra con 2,50 euro e spese di spedizione gratuite. Per tutte le informazioni vi rimando a Questa pagina Amazon (500 grammi di semi di lino biologici, 2,50 euro).

Come conservare i semi di lino

Per un’adeguata conservazione dei semi di lino è necessario riporli in barattoli con chiusura ermetica. Vanno conservati  in luogo fresco, asciutto e lontano da fonti di calore. In questo modo, i semi di lino si possono mantenere per diversi mesi. E’ necessaria la giusta conservazione in quanto gli acidi grassi essenziali contenuti nei semi sono facilmente alterabili.

Per quanto tempo si possono conservare i semi di lino macinati?
Una volta macinati si conservano in frigo per 24 ore.

Dai semi di Lino all’olio di lino

L’olio di lino si ottiene dalla spremitura dei semi di lino ed è tra gli olii più “pregiati” a livello nutrizionale per le caratteristiche suddette. L’olio di lino si trova nelle erboristerie ma è bene scegliere sempre quello di provenienza biologica e ottenuto per spremitura a freddo: per le diciture basta leggere l’etichetta.

olio di semi di lino

L’olio di semi di lino ha un contenuto di calorie più elevato: un cucchiaio da 15 ml di olio di lino apporta:

  • 126 kcal,
  • 8 g di acidi grassi omega-3
  • 2 g di acidi grassi omega-6
  • 3 g di acidi grassi Omega-9

L’elevata quantità di acidi grassi polinsaturi rendono l’olio di lino facilmente ossidabile. Per questo motivo l’olio di lino, in estate va conservato in frigorifero o comunque va tenuto sempre in un luogo fresco. Va conservato in bottiglie scure e va tappato rapidamente dopo ogni utilizzo.

Dove comprare l’olio di lino? Nelle erboristerie più fornite o su Amazon, dove si trovano diverse proposte a prezzi molto competitivi. Per tutte le informazioni su prezzi, vi consiglio di visitare questa pagina Amazon“.

Semi di lino, controindicazioni

I semi di lino non sono privi controindicazioni soprattutto quando si usano in modo eccessivo. Non superare le dosi consigliate su base quotidiana in quanto si può incorrere in episodi di nausea, diarrea, gas intestinali e mal di stomaco. Per evitare ogni effetto collaterale  non superare la dose di 6 grammi al giorno e bere molta acqua durante la giornata.

Pubblicato da Anna De Simone il 17 dicembre 2017