Risparmio idrico, consigli utili

risparmio_idrico

L’acqua è una risorsa indispensabile alla vita, e non è rinnovabile! Contribuire al risparmio idrico è un dovere di ogni cittadino, un atto di responsabilità verso un bene comune. A tal proposito di seguito trovate una serie di suggerimenti sul risparmio idrico in casa.

Risparmio idrico, in casa

  • Effettuare periodicamente i classici lavori di manutenzione: anche le piccole perdite a lungo andare possono comportare un enorme spreco idrico
  • Installare miscelatori intelligenti sui rubinetti: le vecchie manopole sprecano molta acqua nella fase di regolazione della temperatura
  • Ridurre la pressione dell’acqua: un getto d’acqua troppo forte provoca enormi sprechi idrici
  • Installare la rubinetteria a basso consumo idrico: in alternativa si possono adottare delle doccette ad alta efficienza idrica da installare sulla rubinetteria già esistente
  • Inserire un regolatore per lo scarico del water. In alternativa si possono posizionare nello sciacquone un paio di mattoni così da aumentare il volume di acqua e ridurne i consumi
  • Se si hanno dei condizionatori d’aria, provvedere al recupero dell’acqua che fuoriesce dal dispositivo: è acqua distillata, che può essere utilizzata nel ferro da stiro o per innaffiare le orchidee in casa

Risparmio idrico, pulizia e igiene

  • Ridurre la durata della doccia ed interrompere il flusso d’acqua mentre ci si insapona: tre minuti sono sufficienti
  • Per lo stesso principio, interrompere il flusso d’acqua mentre ci si lava i denti
  • Non lavare le verdure sotto l’acqua corrente ma servirsi delle bacinelle
  • Per lavare l’auto evitare l’acqua corrente e prediligere il lavaggio a secco
  • Nella pulizia domestica, utilizzare l’acqua piovana filtrata: si può installare un sistema di raccolta delle acque piovane predisponendolo in corrispondenza delle grondaie Per approfondimento|Come recuperare l’acqua piovana

Risparmio idrico in giardino in giardino

  • Recuperare l’acqua di cottura della pasta, per irrigare le piante
  • Preferire sistemi di micro irrigazione: distribuirà l’acqua in modo selettivo e solo al bisogno
  • Programmare le irrigazione usufruendo di un timer
  • Se non si vuole installare un sistema di irrigazione a basso consumo, impiegare l’innaffiatoio per distribuire l’acqua in maniera più ottimale, evitando i ristagni d’acqua: sono i peggior nemico delle piante.

Pubblicato da Anna De Simone il 28 marzo 2014