Come risparmiare in casa

risparmiare-in-casa-guide-consigli

Per risparmiare in casa bisogna capire dove poter “tagliare”. Chi è davvero consapevole del costo effettivo dei propri consumi? Al mattino ci alziamo dal letto, prepariamo la colazione e facciamo la doccia, magari in inverno azioniamo il caldo-bagno… Ogni azione che si svolge in casa ha un prezzo! Per risparmiare in casa si può iniziare a far pesare meno le bollette di luce e gas.

Riscaldamento e Aria condizionata
A pesare di più sulla nostra bolletta elettrica sono i sistemi di riscaldamento e raffreddamento. Per risparmiare sul riscaldamento si può giocare d’astuzia e puntare sull’isolamento termico ma chi non ha intenzione di installare pannelli, può affidarsi alla termoregolazione per la gestione efficace dell’energia oppure, più semplicemente, può ridurre la temperatura del termostato di un paio di gradi, questo gesto consente un risparmio annuo del – 10%. Per quanto riguarda l’aria condizionata, quando si aziona il condizionatore si dovrebbe sempre impostare una temperatura che non sia differente da quella esterna di più di 5°C.

La Classe Energetica
Quando giunge il momento di sostituire un elettrodomestico, prestate attenzione all’Etichetta Energetica! Con una lavatrice di Classe A si consumerà un massimo di 247 kWh per 104 lavaggi (carico previsto di 5 kg e temperatura di 60°C). Per gli stessi cicli di lavaggio, con una lavatrice più energivora si arriva a spendere il dobbia! Un altro esempio è dato dal condizionatore, una Classe A che è in funzione 500 ore all’anno, consumerà meno di 891 kWh per un costo complessivo annuo inferiore ai 200 euro. Le classi energetiche più basse, per le stesse ore di attività, possono farvi pagare anche più di 300 euro!

Cosa dire del Frigorifero? Se il vostro frigorifero è molto datato potrebbe consumare più di 781 kWh all’anno, ciò si traduce in una spesa superiore ai 180 euro. Con un frigorifero di classe A si consumeranno meno di 300 kWh all’anno per una spesa massima di 67,50 euro ogni 365 giorni di attività!

Risparmio idrico
Continuando a parlare di tagli, si possono risparmiare oltre 2.000 litri di acqua all’anno se si adottano semplici abitudini quali azionare la lavatrice solo a pieno carico, usare la doccia al posto della vasca da bagno e chiudere il rubinetto dell’acqua mentre si spazzolano i denti e si insaponano le mani. Sono molte le strategie di risparmio idrico da attuare, a questo articolo troverete una TOP 20!

Pubblicato da Anna De Simone il 7 ottobre 2013