Rafeiro do Alentejo: cuccioli e prezzo

Rafeiro do alentejo

Rafeiro do Alentejo, già dal nome la provenienza è intuibile, questo cane, detto anche Alentejo mastiff, è una razza autoctona del Portogallo e deve il proprio nome non certo molto immediato da memorizzare e pronunciare, alla regione dell’Alentejo, area di importanza storica rilevante, situata vicino al confine con la Spagna.



Il Rafeiro do Alentejo è riconosciuto ufficialmente e appartiene al gruppo dei cani di tipo pinscher, schnauzer, molossoide e cani bovari svizzeri, è di taglia “XL”, sfoggia un fisico rustico ma non tozzo sobrio, tendente al longilineo e di estrema robustezza.

rafeiro do alentejo

Rafeiro do Alentejo o Mastin do Alentejo

In un modo o nell’altro, in quasi tutti gli idiomi, questo cane resta legato alla regione del Portogallo in cui è nato e che ha influito non poco nel caratterizzarlo fisicamente. L’area dell’Alentejota è nota per le grandi escursioni termiche stagionali: fortissimi caldi estivi passano poi il testimone a grandi gelate invernali.

Dalle sue origini ad oggi, questa razza autoctona portoghese non si è mai diffusa in modo consistente in altre aree ed è oggi praticamente sconosciuta al di fuori del suo Paese d’origine.

rafeiro do alentejo

Rafeiro do Alentejo: carattere

Pur essendo incredibilmente docile, dolce e fedele al proprio padrone, questo cane fa paura se si è un ladro: è infatti un’eccellente cane da guardia e da sempre viene impiegato per badare a terreni, aziende o abitazioni. A volte anche per vegliare sul bestiame tenuto allo stato brado.

Il Rafeiro do Alentejo ha un udito finissimo ed è sempre molto attento ad ogni segnale sospetto, è quindi un perfetto sorvegliante nella notte, mentre durante il giorno si trasforma in un tranquillo compagno di vita, di passeggiate, di giochi. Essendo molto grande, non è adatto ai bambini, anche se non ha mai un comportamento minaccioso se non nei confronti degli sconosciuti malintenzionati.

rafeiro do alentejo

Rafeiro do Alentejo: allevamento

E’ raro incontrare qualcuno che ben conosce il Rafeiro do Alentejo in Italia, ancora più difficile è trovare un allevamento che ne tenga degli esemplari. Questa razza resta ancora una sorta di leggenda, come la sua origine ancora confusa: potrebbe discendere da alcuni molossi del Medio Oriente al tempo usati da tribù che allevavano bestiame per sopravvivere. Con queste popolazioni avrebbe viaggiato e attraversato valli e montagne fino ad arrivare nelle pianure di Alentejo, già alla fine del XIX secolo.

Rafeiro do Alentejo: cuccioli

I cuccioli di questa razza sono già dei cagnoloni e da grandi raggiungono una altezza al garrese anche di 70 cm, sia se maschi, sia se femmine. Come struttura, quella del Rafeiro do Alentejo è robusta ed equilibrata, l’andatura è molto sciolta, con la coda grossa, lunga e incurvata, a volte arrotolata. La testa di questo cane portoghese è ben proporzionata,con uno stop piuttosto marcato ma senza rughe e un tartufo sempre grande e sempre nero.

Le orecchie spuntano a mezza altezza e cadono ripiegate sulle guance, gli occhi, scuri, orizzontali, ovali, sono piccoli e trasmettono calma e saggezza. Il pelo del Rafeiro do Alentejo può essere o corto o semilungo, visto il clima in cui la razza è nata, è sempre e comunque grosso e denso. I colori ammessi dallo standard passano dal lupino, al fulvo, al giallo, a volte sono abbinati al bianco, in macchie o in strisce.

rafeiro do alentejo

Rafeiro do Alentejo prezzo

Il prezzo di un Rafeiro do Alentejo è difficile da stimare, se non andando a trovarlo nella sua terra e cercando chi lo alleva da anni e anni. E’ meglio conoscere sempre i difetti più ricorrenti di una razza quando la si vuole acquistare, in questa così introvabile razza portoghese ad esempio troviamo gli occhi chiari, la testa eccessivamente allungata, il cranio stretto, un movimento scorretto, la depigmentazione del tartufo.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest 

Articoli correlati che potrebbero interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 5 ottobre 2016