Per non mangiarci il futuro

In questi tempi è difficle “non mangiarci la terra” perché è ancora impossibile immaginare una vita senza carbone e priva di sostanze chimiche inquinanti, quei composti che troppo spesso ritroviamo nel nostro cibo. E’ per questo che abbiamo bisogno di stipulare un nuovo patto con la terra e a dare un input è Slow Food Lombardia in collaborazione con il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza con quello che è l’evento di Terra Madre Lombardia.

L’evento si svolgerà dall’8 al 10 giugno, al Parco di Monza, presso la Scuola Agraria e Villa Mirabello. Una mostra mercato dell’agricoltura naturale che rispetta gli ecosistemi e si fa promotrice delle biodiversità. C’è una grossa correlazione tra agricoltura ed ecologia. Il terreno agricolo preserva il territorio nazionale dal fenomeno della cementificazione, inoltre aiuta gli animalisti nella lotta alla salvaguardia delle specie tanto che l’Unione Europea ha deciso di destinare della agevolazioni per gli agricoltori virtuosi.

La correlazione tra agricoltura ed ecologia prende anche il nome di Crisi Idrica ma questo in linea minore quando si tratta di piccoli produttori che non hanno nulla a che vedere con le grandi industrie agroalimentari. Con Terra Madre Lombardia si vuole rilanciare proprio l’immagine del piccolo produttore con una visione in “piccola scala” di ciò che è il settore agricolo e come opera in perfetta armonia con tutto il vivente.

L’agricoltura naturale apre le porte a uno stile di vita sobrio e attento alle necessità dell’uomo e dell’ambiente. L’inaugurazione di Terra Madre Lombardia si terrà venerdì 8 giugno, alle 18 e sarà perfetta per i più ghiotti. Un’inaugurazione da leccarsi le dita presso la Mensa Agraria. Dall’apertura seguiranno due giorni ricchi di storia, cultura, gusto e benessere.

L’intero programma in pdf direttamente dal portale della Reggia di Monza.

Pubblicato da Anna De Simone il 2 giugno 2012