Vacanze italiane all’insegna dell’hitech

Lettini wi-fi, ombrelloni fotovoltaici, acqua limpida, sole e relax. Non è il mondo dei sogni ma è quella che potrebbe essere la vacanza italiana, nelle spiagge di Balleria-Igea Marina. La riviera romagnola accoglierà i suoi turisti con una vera e propria tecnobeach che ha aperto i battenti giovedì 31 maggio.

Per le vacanze estate 2012 non andiamo all’estero ma restiamo in Italia dove il sole e le acque limpide della riviera romagnola possono offrire più di un semplice cocktail ai propri visitatori. Il progetto allestito da Umpi prevede ombrelloni fotovoltaici che si aprono e chiudono con telecomando, il controller remoto consente la telegestione così da scegliere l’ombra o il sole dell’ombrellone stando comodamente seduti sul lettino wi-fi. Lettino wi-fi? Sì, ogni sdraio è dotato di connettività wi-fi per garantire un collegamento a internet.

Per i malintenzionati, non ci provate nemmeno a danneggiare o rubare una delle tecnologie messe a disposizione dalla tecnobeach romagnola! Un sistema di videosorveglianza previene i furti e assicura un servizio di telesoccorso per il salvataggio e la sicurezza dei bagnanti.

Non manca l’interazione tra turisti: sono stati installati totem interattivi dai quali è possibile inviare foto e cartoline elettroniche e ricevere in tempo reale informazioni turistiche, info meteo, traffico, qualità dell’aria… questi totem interattivi sono dei tutto-fare perché non mancheranno di ricaricare la bici o lo scooter elettrico!

La spiaggia è l’esempio concreto di applicazione smart city! Il suo allestimento è stato reso possibile da Umpi e Telecom Italia sfruttando la piattaforma Nuvola Italiana Telecom e la tecnologia Plc della romagnola Umpi (PowerLine Communication). Tradotti in termini concreti, cosa farebbero queste tecnologie?
-garantiscono la massima connettività
-servizi di connessione
-antiaggressione
-analisi video
-messaggistica
-telesoccorso e molto altro ancora.

Luca Cecchini, presidente di Umpi, crede molto in questo progetto e lo reputa una grande risorsa per la riviera che può essere rilanciata in termini di innovazione rilanciando una nuova forma di turismo hitech.

Pubblicato da Anna De Simone il 2 giugno 2012