Pavone: allevamento e caratteristiche

Pavone

Pavone, un animale spesso citato per la sua coda, ma che non molti conoscono nella sua interezza. Esistono molte differenti razze di questo animale e neanche così tanto simili l’una dall’altra, in certi casi. C’è perfino la versione albina. Vediamo le caratteristiche e il carattere dei Pavoni e quali sono le varianti più belle.



Pavone: caratteristiche e razze

E’ un uccello, nel caso che qualcuno lo mettesse in dubbio. Il pavone appartiene all’ordine dei Galliformi, alla specie Pavo cristatus, alla famiglia delle Phasianidae. Le sue origini sono indiane, alcune tipologie arrivano dallo Sri Lanka, se ne vedono esemplari allo stato selvatico in alcune aree dell’Asia meridionale ma non a quote troppo alte: è necessario non superare i 1800 m di altitudine.

Il motivo principale per cui si è diffuso in tutto il mondo, con allevamenti dedicati, è il meraviglioso spettacolo rappresentato dalla livrea del maschio, questo lo rende un animale ornamentale, apprezzato in quasi tutto il mondo

Pavone albino

Se il Pavone “classico” è molto diffuso, ormai, quello albino resta ancora una cosa rara tanto che i giardini o gli zoo che ne hanno uno, lo hanno trasformato in una attrazione per bambini e non solo. Di norma, infatti, il piumaggio ha ben poco di bianco: nella femmina è marrone, grigio e color crema, mentre nel maschio è blu brillante con una coda incredibilmente colorata.

Pavone

Sembra dipinta, da quanto è decorata, con ocelli e sfumature, lunga fino a 1,6 m quando i pavoni decidono di aprirla a ruota.

Pavone: cosa mangia

Dato che vive principalmente a terra, si alimenta soprattutto di semi, germogli, foglie, invertebrati, rane e piccoli serpenti. Questo tipo di dieta gli permette di vivere circa 25 anni, conducendo una vita abbastanza solitaria. Si degna di avvicinarsi ai suoi simili solo se necessario, durante la stagione riproduttiva. In questo periodo il maschio inizia a difendere il proprio territorio, per il resto dei mesi sia i maschi sia le femmine restano da soli o in piccoli gruppi di 2 o 3 individui.

Pavone

Pavone: allevamento

L’allevamento dei pavoni riguarda soprattutto quelli delle varietà più comuni, non sono animali molto difficili. Da giovani, entro le 16 settimane, si abituano al luogo dove vengono sistemati, meglio se la chiuso. Non avendo un carattere socievole, meglio non mettere troppi esemplari tutti assieme ma prevedere delle separazioni tra gli spazi di ciascuno. Certo, se potesse scegliere, ogni pavone starebbe negli habitat per lui naturali come i boschi aperti, ricchi di radure e arbusti.

Questi uccelli non volano se non in modo goffo, solo per raggiungere i rami o i supporti più bassi e trascorre la notte al sicuro dai predatori, sono stanziali e corrono velocemente in caso di pericolo.

Pavone: maschio

Sono gli esemplari di sesso maschile i più apprezzati e immortalati, perché muniti di questa meravigliosa coda attira femmine. Così efficace che, per i maschi particolarmente abili nella conquista, riesce ad attirare anche 6 femmine in un colpo solo. I pavoni junior completano lo sviluppo della coda a 3 anni, ma fino a 6 questa può continuare a crescere.

Pavone: femmina

Le femmine non sono sotto i riflettori come i maschi, si occupano per lo più delle cure parentali, dalla cova fino all’allevamento della prole. All’anno di solito una femmina fa una sola covata, da 3-5 uova che devono essere incubate per circa 4 settimane.
Pavone

Piume di pavone

Usate nelle coreografia teatrali, per carnevale o per composizioni di fiori particolarmente artistiche, le piume di pavone possono essere acquistate anche on line. Su Amazon con 30 euro si comprano 100 piume 100% di pavone naturale genuino, le troviamo anche nelle decorazioni wedding, centri tavola, creazione di gioielli e cappelli.

Verso del pavone

Se la coda è bella, il verso è decisamente sgradevole. Non ha nulla di armonioso e attraente, assomiglia anzi al gracchiare di un corvo, eppure non allontanano sempre i predatori che minacciano questo uccello. Tra questi troviamo le tigri, i leopardi e gli sciacalli.

Pavone: significato

Questo galliforme viene spesso usato come simbolo di vanità. In verità, si scopre essere un tipo dal carattere differente che non ama molto essere avvicinato e non ci tiene affatto ad avere una vita sociale vivace. E’ un tipico esempio di come certi animali vengano etichettati per una particolare caratteristica senza appurare il loro carattere vero. Si trovano poi così ad essere simbolo di un concetto che non centra nulla con la loro indole. Il pavone sembra avere ben altro per la testa di vantarsi della sua bellezza, eppure noi parliamo di pavoneggiarci.

Chi vuole un pavone affettuoso da coccolare, meglio non si rivolga a quelli in carne piume ed ossa, che non danno confidenza, ma possono contare si questo peluche a sua immagine e somiglianza.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbe interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 14 luglio 2017