Zaini, borse e tracolle con pannelli solari

pannello solare su zaino

A tutti sarà capitato almeno una volta: uscire di casa, andare a fare shopping e… rendersi conto di avere la batteria dello smartphone scarica! Ah.. se solo aveste montato un pannello solare sul vostro zaino! In commercio esistono zainiborse e marsupi che integrano celle solari, sempre sul mercato è possibile reperire dei kit per trasformare il vostro fedele zaino in una piccola centralina elettrica pronta a erogare l’output energetico necessario per ricaricare i vostri dispositivi portatili. Dovete solo scegliere che strada seguire!

I più smanettoni possono acquistare un modulo fotovoltaico da cucire nella zona frontale dello zaino, la cella solare dovrà poi essere collegata a una batteria di accumulo; una batteria ai polimeri di litio (capacità 5000 mAh) con uscita a 5V -perfetta per ricaricare dispositivi GPS, fotocamere, smartphone e tablet-, costa all’incirca 40 euro. La spesa aumenta se si acquista un kit pronto all’uso, di solito questi kit sono dotati di applicazione a strappo o a pinza, si collegano così allo zaino e sono pronti all’uso.

Alcuni modelli di zaino, borsa e tracolla solare possono essere visualizzati nella nostra GALLERIA FOTOGRAFICA.

A questo indirizzo vi abbiamo già presentato alcuni modelli di zaini con pannelli solari. I modelli descritti nell’articolo precedente erano per lo più sportivi ma non mancano proposte eleganti. L’Italian Style di Ennio Capasa unisce eleganza, bellezza e innovazione con le sue sofisticate borse che integrano perfettamente delle unità fotovoltaiche pronte a ricaricare qualsiasi dispositivo con il sole.

Ma quanto impiegano i pannelli solari del nostro zaino a ricaricare un piccolo dispositivo elettrico portatile? Le tempistiche variano a seconda della capacità e dell’efficienza dei sistema impiegato, generalizzando si può dire che il tempo per ricaricare totalmente un cellulare o una fotocamera con uno zaino o una borsa con pannelli solari da 2,7 kW è di circa 5 ore. Vi lasciamo con questo video dimostrativo che, anche se un po’ datato, rende perfettamente l’idea!

Pubblicato da Anna De Simone il 11 novembre 2013