Nomi cani della Carica dei 101

Nomi cani della Carica dei 101

Un po’ come i nomi dei sette Re di Roma e dei sette nani, anche i nomi dei cani della Carica dei 101 non sono semplici da ricordare e sono anche un po’ più numerosi ma è utile ripassarli ogni tanto, soprattutto se stiamo per adottare un cane e abbiamo bisogno di una ispirazione per dargli un nome. Quelli che si ispirano ai cartoni Disney e ai cartoni in generale sono sempre piuttosto simpatici e rispettano le “regole” del buon nome che stiamo per andare a ripassare.



Il fatto di attingere al patrimonio dei cartoni animati per chiamare il nostro cane, anche se non ci sono figli o nipotini da accontentare, è anche forse in parte un desiderio, conscio o meno, di richiamare nella nostra vita dei personaggi ed un intero universo che ci ha fatto compagnia anni fa. Un mondo magico, ricco di emozioni e di avventure, che vogliamo avere vicini e continuare ad evocare giorno dopo giorno, proprio con la frequenza con cui chiameremo il nostro cane.

Nomi dei cani: regole

Prima di scoprire o di richiamare alla mente i nomi dei cani della Carica dei 101 rivediamo assieme le regole base per scegliere come chiamare i nostri animali, in particolare cani e gatti. Questo perché un nome non ci deve solo piacere ma è necessario che sia pratico e facile, efficace. Il cane o il gatto devono poterlo riconoscere e non avere scuse per non girare la testa quando li chiamiamo.

Il nome perfetto non deve essere di più di due sillabe, altrimenti non viene colto al meglio dalle orecchie dell’animale e noi stessi faremmo fatica a pronunciarlo. Cerchiamo di evitare anche tutte le assonanze che possono interferire con la comunicazione, ovvero quelle con nomi comuni di cose o con nomi propri di persone che appartengono alla famiglia o frequentano spesso la casa. Questo per evitare che si faccia confusione e , nel secondo caso, anche per evitare imbarazzanti situazioni. Chiamare il proprio cane con uno nome simile a quello del nostro vicino di casa è evitabile, anche solo per mantenere buoni rapporti di vicinato. L’idea di affidarsi al mondo Disney per farsi ispirare non è solo magicamente evocativa ma è anche pratica perché quasi tutti i nomi che vi troviamo rispettano i criteri appena illustrati: possiamo andare su sicuro.

Nomi cani della Carica dei 101

Se non avete modo di rivedere questo cartone, anche se vi consiglio di farlo, ecco i nomi che vi possiamo trovare. C’è Tony, adatto soprattutto per un maschietto sbarazzino e simpatico, e poi Colonnello da associare ad un cane o molto grande o molto piccolo. Lucky è perfetto per ogni tipo di cane come anche Rolly. Danese può suonare equivoco e ricordare una razza di cane, problema che non si presenta né con Capitano né con Peggy, adatto solo alle cagnoline, né con Pongo, per i maschietti come anche Tibs.

Non è un cane ma potrebbe essere un nome adatto e senza dubbio evocativo, anche se un po’ lungo, Crudelia de Mon.

Nomi cani della Carica dei 101

Nomi cani della Carica dei 101 e trama

Facciamo un passo indietro e andiamo a ripassare la trama di questo magico cartone, anche per capire se abbiamo davvero voglia di rievocarlo chiamando il nostro cane come uno dei protagonisti. Questo film il cui titolo originale è “One Hundred and One Dalmatians”, risale al 1961 ed è stato diretto da Wolfgang Reitherman, Hamilton Luske e Clyde Geronimi. Prodotto da Walt Disney e basato sul romanzo “I cento e una dalmata” di Dodie Smith, è il 17º Classico Disney ma il primo animato con la tecnica xerografica che permetteva di risparmiare notevolmente sull’inchiostrazione.

E’ uno dei primi casi anche, nella storia della Disney, in cui un cattivo è più celebre dei protagonisti buoni. Ne “La Carica dei 101″ Crudelia De Mon ruba infatti spazio a tutti i cani e resta una delle figure crudeli più note ed amate ancora oggi.

Tra i personaggi del cartone, troviamo anche degli umani ma con nomi che possono adattarsi anche a dei cani. Rudy, ad esempio, come Rudy Radcliffe, compositore di musica jazz, marito di Anita e padrone di Pongo, oppure Nilla, la governante di casa. Potrebbero essere interessanti anche Towser, che è un cane, quello che aiuta a ritrovare i cuccioli parlando con il Colonnello, e Regina che assieme alle altre mucche allatta i cuccioli e da loro rifugio.

Carica dei 101: curiosità

A convincere la Disney a realizzare un cartone tratto dal romanzo di Dodie Smith è stato un amico comune di Walt Disney e Dodie Smith, entrambi cinofili. Dopo aver comprato i diritti del romanzo, lo studio lo rimaneggiò parecchio per adattarlo al cartone animato finale. Nel trasformarlo da romanzo a cartone, la Disney ha inserito stranamente davvero poche canzoni, solo tre canzoni. Una con Crudelia De Mon e gli altri due brani nemmeno, perché uno è Kanine Krunchies Jingle e l’altro Dalmatian Plantation. In origine erano previste molte altre incursioni sonore dall’autore Mel Leven che le aveva anche scritte. Pensate che i cani avrebbero dovuto cantare dopo la fuga da Crudelia nel furgone, potete trovare alcune canzoni però nelle edizioni CD della colonna sonora del film.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebook e Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 29 Aprile 2019