Mini PC Green Computer

Vi abbiamo già parlato di notebook sostenibili ma ciò che non vi abbiamo detto è che c’è un’azienda italiana che si occupa di assemblaggio e assistenza di pc a basso impatto. Il risultato è un computer che a parità di performance consuma il 70% di energia in meno rispetto a un computer convenzionale. Si tratta dei mini PC della Green Computer, perfetti per utilizzi desktop home o per il lavoro in ufficio.

I mini PC Green Computer sono disponibili in cinque configurazioni personalizzabili per svariate esigenze. Trattandosi di mini PC non si tratta di computer adatti a chi fa lavori di grafica professionale o di applicativi audio. Per il resto, i processori Intel sono perfetti per lavori di ufficio e molto altro ancora. La linea ECO della Green Computer offre la possibilità di personalizzazioni, oltre alle classiche configurazioni.

Il prezzo varia in base alle performance richieste ma anche questo è “a basso impatto” sul bilancio domestico. I modelli oscillano da un minimo di 289 euro fino a un massimo di 499 euro per il più performante. I case dei Mini PC sono realizzati in metallo a elevato spessore così da garantire massima robustezza e grandi doti di dissipatore del calore, qualità apprezzata soprattutto in estate così da non caricare ulteriormente i condizionatori d’aria domestici. Tutti i Mini PC Green Computer sono costruiti utilizzanto materiali e componenti che, alla fine del loro ciclo di vita, possono essere raccolti e riciclati al meglio.

Hai un’associazione o nella scuola in cui lavori mancano computer?
Green Computer dedica un programma ad associazioni e scuole. Nella sezione “usato selezionato” si potrà compilare un modulo per richiedere un computer riciclato, infatti, Green Computer cerca di intercettare tutti i pc dismessi da abitazioni o da aziende. Questi computer, così raccolti, sono smontati, puliti e riparati per poi essere donati alle scuole o a chi si interfaccia ai principi di condivisione libera del progetto.

Link Utili | Green Computer

 

Pubblicato da Anna De Simone il 15 ottobre 2012