Miele di Manuka: proprietà e prezzo

Miele di Manuka

Miele di Manuka, non uno dei tanti mieli con il suo particolare sapore. Ha delle proprietà particolari e viene utilizzato più che altro per medicare ferite o per altri usi anomali per gli altri tipi di miele che siamo abituati a usare nel latte, nel the o nei dolci.



Miele di Manuka: pianta

Le api che si nutrono di Manuka producono poi il Miele di questo “gusto”, Manuka, sono api di origine europea ma l’albero viene dalla Nuova Zelanda, è molto simile all’albero del tè e nelle sue zone lo troviamo allo stato selvatico, cresce anche in Australia sud-orientale.

Miele di Manuka: proprietà

Per curare ferite, ustioni, piaghe e problemi della pelle questo miele è il migliore perché stimola il sistema immunitario, lo stesso vale in caso di ferite chirurgiche, piaghe da decubito, ulcere, piaghe da radiazioni, scottature e ustioni fino al terzo grado. Viene consigliato anche a chi soffre di reflusso gastroesofageo e vuole applicare rimedi naturali oppure per problemi della pelle come foruncoli e brufoli, psoriasi, eczema e dermatiti.

Ha proprietà antibatteriche e antinfiammatorie, per questo lo si ingerisce per curare raffreddori e malanni di stagione. In generale, se mangiato regolarmente, rafforza le difese e da molta energia all’organismo.

Miele di Manuka

Miele di Manuka: opinioni

Sono in corso alcuni studi per ampliare la conoscenza delle proprietà del Miele di Manuka e delle sue possibili applicazioni a favore del nostro benessere. Diversi studi internazionali dimostrano l’efficacia di questo miele quando si tratta di distruggere alcuni microorganismi come ad esempio l’Escherichia coli, lo Staphylococcus aureus, lo Streptococcus faecalis e l’Helicobacter pylori.

Miele di Manuka: originale

Ci sono delle particolari caratteristiche da verificare per poter parlare di Miele di Manuka originale anche sull’etichetta. Il miele deve contenere almeno il 70% di polline di Leptospermum scoparum, che è l’albero di Manuka, e questo non è scontato perché quando esso fiorisce, lo fa anche un’altra specie della famiglia delle mirtacee, la Kanuka.

Questi due alberi crescono nella stessa zona e si assomigliano molto, all’apparenza, per cui le api che poi producono il miele potrebbero creare dei mix che danno poi luogo a Miele di Manuka non originale. Non è una questione solo di proporzioni teoriche, perché cambia sia il gusto sia il colore.

Quando abbiamo tra le mani il Miele di Manuka, la sua potenza viene espressa in termini di UMF (Unique Manuka Factor) o “Molan Gold Standard”: se ha valori inferiori a 10 UMF il miele non è abbastanza attivo per l’uso terapeutico.

Miele di Manuka

Miele di Manuka: dove si compra

Il Miele di Manuka si trova nei negozi che vengono prodotti omeopatici, in alcuni supermercati ben forniti o in erboristeria. Se assunto per via orale cura disturbi gastrointestinali stimolando il sistema immunitario, bastano due cucchiaini al giorno prima dei pasti. Se il sapore non è di nostro gradimento, possiamo anche discioglierlo in una tisana, in un bicchiere d’acqua o in un succo di frutta.

Miele di Manuka: controindicazioni

Non ci sono particolari controindicazioni quando si tratta di Miele di Manuka originale, a parte il fatto che è bene controllare di non essere allergici a questa sostanza. Ha però molti zuccheri, come tutto il miele, per cui chi soffre di diabete o ha gravi problemi di peso, non deve abusarne.

Per distinguere invece quello originale da quello mescolato con il miele di Kanuka, possiamo osservare il colore: il miele di Manuka ha un color crema scuro o addirittura marrone scuro, l’altro invece giallo pallido chiaro. A livello di gusto, quando il miele è prodotto a partire dalla Manuka, è più speziato, oltre che, a livello di consistenza, più viscoso.

Miele di Manuka

Miele di Manuka: prezzo

Una confezione di questo miele, acquistata su Amazon, di alta qualità, può costare oltre 100 euro in confezioni da 900 grammi. Questo per darvi una idea del costo che potete trovare simile, se non maggiore, anche in negozi fisici. Mai però rinunciare ad un prodotto di qualità e privo di sostanze conservanti nocive.

Ti potrebbe interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 14 agosto 2017