Malattie pelle gatto

Malattie pelle gatto

Malattie pelle gatto, esistono e sono piuttosto fastidiose, nonostante questi animali sono piuttosto dediti alla pulizia del proprio mantello. Se li vediamo spesso leccarsi e lisciarsi il pelo, non pensiamo che lo facciano inutilmente, ma non ignoriamo il fatto che ci sono Malattie pelle gatto e che, come padroni, dobbiamo intervenire per curarli in modo opportuno. Per quelle che spiegheremo, non basta una leccata.



Malattie pelle gatto : acne felina

Tra le Malattie pelle gatto più fastidiose, c’è l’acne felina che si presenta attorno alle labbra e sul mento. Questa variazione del pelo e della pelle è il più delle volte legata ad un regime alimentare scorretto che provoca una digestione cattiva.

Non solo, i problemi di un modo di cibarsi non adeguato riguardano anche la stitichezza. E poi spunta l’acne felina, riconoscibile dalla presenza di punti neri sia sul mento, sia sulle labbra, e di un gonfiore del mento. Può anche capitare che compaiano delle pustole e che il gatto senta prurito nella zona interessata.

Se riusciamo ad accorgerci ed intervenire presto, allora possiamo noi stessi occuparci del micio lavando le parti ammalate con sapone neutro e acqua calda, asciugandole bene in modo che l’infezione non si estenda. E’ necessario però rivolgersi al veterinario se vediamo che la situazione è più grave o se non presenta miglioramenti nonostante il nostro intervento.

Malattie pelle gatto

Malattie pelle gatto: dermatiti

Ci sono diversi tipi di dermatite, sono in generale Malattie pelle gatto legate a delle infiammazioni ma è l’origine delle stesse che può cambiare. Le punture delle pulci sono la ragione più frequente dell’insorgere di questo problema ma non lo diamo per scontato: tra le cause di una dermatite troviamo anche infezioni, allergie alimentari, shampoo non adatti al mantello felino.

Il nostro gatto può avere una dermatite se si gratta di continuo e mostra croste e arrossamenti, gonfiore e rottura di peli. Simili sintomi sono quelli della dermatosi miliare, causata da allergie alla saliva di pulce, allergie alimentari o alle polveri di casa.

Per curare queste Malattie pelle gatto si utilizzano antiparassitari da applicare sia sull’animale sia sugli oggetti che spesso usa e sui luoghi che frequenta: divani, poltrone, cuscini. In casi di infezioni, però, è necessario chiedere al veterinario degli antibiotici.

Malattie pelle gatto: alopecia

Un gatto che mostra chiazze di mantello prive di pelo, non è un gatto senza pelo ma ha contratto l’alopecia. Va curata con l’aiuto del veterinario, possiamo distinguerla da una momentanea perdita di pelo dovuta a ferite o cicatrici, perché nella zona interessata il pelo non ricresce più.

Malattie pelle gatto

Malattie pelle gatto: eczema

Anche i felini, come gli umani, possono soffrire di malattie della pelle come l’eczema, un’irritazione che causa arrossamenti, croste, vesciche. Tra le cause ci sono sia le allergie, sia regimi alimentari scorretti, oppure semplicemente un “cambio pappa” improvviso e non opportuno.

Per comprendere meglio, è necessario andare dal veterinario appena vediamo che il nostro animale di gratta le croste e perde il peli a chiazze. Sintomi simili li ha un’altra malattia pelle gatto, la rogna. Arriva dagli acari e può essere trasmessa anche a noi e ad altri animali ma è curabile e si può anche prevenire.

Malattie pelle gatto

Malattie pelle gatto: funghi

Anche i funghi possono causare Malattie pelle gatto, funghi della pelle, si intende, e ce ne sono numerosi. Uno di essi causa la tigna favosa, fastidiosa, che provoca arrossamenti e croste simili ai favi degli alveari, arriva al gatto dai topi ed è molto contagiosa, si può curare solo isolando l’animale e dandogli pomate e antibiotici.

Poi c’è la tricofizia, infezione da funghi che crea zone prive di pelo e residui di squame grigiastre, può essere trasmessa all’uomo. Tra le Malattie pelle gatto legate ai funghi non scordiamo la Micosi.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 4 febbraio 2017