Malattie infettive del gatto

malattie infettive gatti 2
Malattie infettive del gatto: viene vaccinato per 4 principali ma ce ne sono anche altre piuttosto frequenti che è bene conoscere. Oltre alla leucemia felina, alla panleucopenia felina, alla calicivirosi e alla rinotracheite virale felina, le altre malattie infettive del gatto lo colpiscono ugualmente a tradimento ma non sempre sono vaccinabili.



 

 

 

Gli animali più colpiti sono di solito quelli più “vagabondi” perché hanno più probabilità di entrare in contatto con altri gatti o frequentare aree comuni dove contrarre i virus e retrovirus.

Malattie infettive del gatto: leucemia felina

Detta anche FeLV, la leucemia è una malattia che porta ad una produzione anomala nel corpo del gatto di leucociti. Tutto parte da un retrovirus trasmissibile per mezzo di urina, lacrime e saliva. Oppure via placenta, da madre a feto. Tra le malattie infettive del gatto, la leucemia lascia scelta.

Se il gatto ha un sistema immunitario in grado di controllare i virus, allora il nostro amico resta sano, altrimenti la leucemia colpisce vari organo, quanto facilmente può dipendere sia dall’età sia dalla salute globale dell’animale. Il primo organo ad essere colpito dal virus di malattie infettive del gatto come questa, è il midollo osseo, compromettendo le difese immunitarie e l’ematopoiesi. Questo causando la leucemia vera e propria o anche il sarcoma.

malattie infettive gatti 5

Malattie infettive del gatto: panleucopenia felina

Tra le malattie infettive del gatto la panleucopenia felina è una di quelle che colpisce anche altri animali, in questo caso procioni e visoni. E’ dovuta ad un virus che si trova solo nell’ambiente e si chiama parvovirus. I sintomi della panleucopenia sono vomito, febbre, anoressia, disidratazione, congestione e secchezza della faringe.

Queste malattie infettive del gatto portano anche a dolore forte addominale e sfociano anche in episodi di diarrea. Quando a soffrirne è una femmina incinta, senza lanciare allarmismi, ma potrebbe capitare che il feto venga colpito e ne muoia costringendola all’aborto.

Malattie infettive del gatto: calicivirosi

La calicivirosi è tra le malattie infettive del gatto quella che colpisce tramite il quasi omonimo calicivirus ed è contagiosa. Per riconoscere la presenza di questa patologia è necessario verificare la presenza di ulcere al palato superiore e alla lingua, inoltre spesso coincide con la stomatite. Malattie infettive del gatto come la calicivirosi hanno anche sintomi respiratori e può essere mortale, soprattutto de a soffrirne è un gattino. Meglio quindi vaccinarlo al più presto.

malattie infettive gatti 3

Malattie infettive del gatto: rinotracheite virale felina

L’herpesvirus tra tutte le malattie infettive del gatto è quella che provoca la fastidiosa rinotracheite virale felina, estremamente contagiosa. I sintomi sono febbre, tosse, salivazione viscosa, cheratite ulcerosa, starnuti eccessivi e scoli nasali. Tra le malattie infettive dei gatti questa porta alla morte, soprattutto per gatti con meno di un anno.

Malattie infettive del gatto: sindrome da immunodeficienza virale (FIV)

Usciamo dalla lista delle 4 malattie vaccinabili e andiamo a conoscere il FIV, Feline Immunodeficiency Virus. Colpisce il sistema immunistario con un lentivirus elo rende il gatto più suscettibile a infezioni di tipo secondarie.

Dico il “gatto”, perché questa tra le malattie infettive del gatto, è una di quelle che non contagia né gli esseri umani né gli altri animali. Non porta alla morte rapida e sicura, al contrario di altre malattie infettive del gatto, ma la FIV può incontrare “portatori sani di” che non si vedono negare anche una vita lunga, sana e piuttosto normale.

malattie infettive gatti 1

Basta che siano in casa, liberi da stress e seguiti con attenzione in modo che appena compare un malessere possano essere curati con una soglia di attenzione maggiore, speciale. Il contagio per malattie infettive del gatto come questa non avviene quasi mai tramite la cassettina della lettiera o le scodelle di cibo e acqua, piuttosto tramite scambi di sangue o altri fluidi organici, o durante l’accoppiamento.

Oppure se tra un gatto sano e uno infetto c’è una “rissa” e si mordono. C’è un test per la FIV, che individua gli anticorpi che i gatti producono nei confronti di questo virus, di solito presenti 3-6 settimane dopo l’infezione per malattie infettive del gatto così.

malattie infettive gatti 4

Malattie infettive del gatto: peritonite infettiva del gatto o FIP

E’ di origine virale, è causata da un ‘corona virus’ ed è una delle malattie infettive del gatto da conoscere perché molto “tosta” tra gatti mentre non contagiosa per l’uomo e per altri animali domestici. La FIP colpisce esemplari di gatti che hanno analoghe caratteristiche cromosomiche ereditarie e colpisce polmoni, pleure, pericardio e peritoneo con un decorso che può essere sia molto rapido – solo 3 giorni – o molto più lungo e pericoloso: anche decine di giorni.

Il nostro gatto è stato contagiato con la FIP se si mostra indebolito e fiacco, se mangia sempre meno, se esce meno. Quando questa tra le più brutte malattie infettive del gatto colpisce i reni si hanno conseguenze sulla capacità dell’animale di trattenere la pipì, se invece tocca il fegato sono le gengive a rimetterci:diventano gialle.

Altre conseguenze ancora più sgradevoli di sintomi sono l’anemia con la formazione di liquido nell’addome: dopo esser diventato scheletrico, il gatto muore con l’addome molto gonfio.

Altre info: Vermi nella lettiera del gatto

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi! 

Articoli correlati che possono interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 2 novembre 2015