Lupini: proprietà e valori nutrizionali

lupini

Lupini, sono legumi altamente energetici che da tempo si sono conquistati onestamente il loro posto, a tavola, nella nostra dieta mediterranea. Hanno numerose proprietà: le solite dei legumi e alcune solo “da Lupini”, li troviamo in ricette di tradizione ma anche come compagni di merenda, come snack anche a locali feste popolari. Non è un legume solo italiano, però, e lo dimostrano i suoi nomi internazionali. Lo si chiama Altramuz chocho blanco in spagnolo, Wolfsbohne in tedesco e White lupin in inglese.



Lupini: pianta

La pianta dei Lupini è nota in botanica come Lupinus albus L., e appartiene alla famiglia delle Leguminose Papilionacee. Viene dai Paesi Orientali e questo genere contempla oltre 200 specie,le più famose e utilizzate sono il L. albus, in ambito fitoterapico e alimentare, il L. littoralis, il L. laxiflorus, il L. termis e il L. hirsutus in quello erboristico.

Ha un fusto poco ramificato che non supera i 70 centimetri di altezza, la pianta, coltivata anche in Italia e che, prima dei Lupini, regala grandi fiori. vistosi e biancastri. I legumi contengono poi quelli che noi mangiamo e che appaiono come semi schiacciati, lenticolari e bianco- giallastri.

Coltivare la pianta dei Lupini è piuttosto semplice perché si adatta a terreni acidi ed aridi e anche a climi ostici e sfavorevoli. Oltre che semplice, è anche conveniente, perché agisce sul terreno che la ospita migliorandone persino la fertilità.

Un tempo questo legume era prodotto in quantità abbondanti, e altrettanto richiesto, poi con il fenomeno di sfollamento delle aree più povere della popolazione, proprio quelle che ne facevano maggior consumi, i Lupini hanno subito un crollo di produzione. Oggi non sono certo in via di estinzione, anzi, ma la loro coltivazione si limita in genere alle aree del Meridione.

lupini pianta

Lupini: proprietà

Tra i legumi i Lupini sono considerati un buon rimedio naturale per combattere eczema e scabbia ma vengono per lo più utilizzati per le più note proprietà diuretiche ed emmenagoghe. Assunti sotto forma di decotti, possono fare anche da febbrifugo naturale, sono perfetti anche per i celiaci dato che non contengono glutine.

Tra le caratteristiche più apprezzate di questo legume ci sono le proprietà nutraceutiche e medicamentose, inoltre contiene tracce di inibitori di lecitine, tripsina, isoflavoni e composti cianogeni. Per questo è oggetto di studio, in ambito medico-scientifico: potrebbe essere un ingrediente di svolta nella prevenzione di malattie cardiovascolari, ipertensione in particolare.

Altri accertamenti sono in atto per indagare se i Lupini possano aiutare anche contro l’iperglicemia ed essere considerati un surrogato dell’insulina, utile nel diabete mellito di lieve e media gravità. Si tratta, nelle ultime righe qui sopra, di teorie ancora da confermare, mancano ad oggi certezze scientifiche, la speranza è quella di poter incoronare i lupini come nuovo alimento ad uso anche terapeutico per la prevenzione delle patologie cardiovascolari e del diabete.

lupini

Lupini e colesterolo

Grazie alla presenza di omega-3 e omega-6, i Lupini hanno dimostrato di poterci essere di aiuto anche nel tenere sotto controllo il colesterolo. Questi acidi grassi contribuiscono infatti a ridurre proprio quel colesterolo “cattivo”, il colesterolo LDL, uno dei responsabili delle patologie cardiovascolari.

Assieme ai Lupini, altri alleati contro il colesterolo sono i pinoli, i pistacchi, le noci, le mandorle e le nocciole. Oltretutto sono anche alimenti già consigliati per una dieta sana e varia, per cui se già non li abbiamo inseriti in menù, provvediamo. Colesterolo alto o meno, sono comunque importanti per la nostra salute.

lupini

Lupini: calorie

Qualcuno prima di inserire i Lupini nella propria dieta vorrà conoscerne anche le calorie apportate: stiamo parlando di legumi per cui non possiamo aspettarci i numeri bassi delle zucchine o delle fragole. Un etto di Lupini assicura 114 kcal, con il 69% di acqua, il 16,5% di proteine, il 7% di carboidrati ed il restante 6,5% diviso tra fibre e grassi.

Lupini: valori nutrizionali

Dal punto di vista nutrizionale i lupini offrono generosamente abbondanti quantità di sali minerali, in particolare di ferro e potassio. Altrettanto ricca, o quasi, è la dose che se ne ricava di vitamina B1. Per il resto questi legumi forniscono in percentuali variabili acidi organici, resine, lupeolo, galattosio, arginina, vanillina e lecitina.

Tra gli alcaloidi contenuti c’è la lupotossina: si tratta di una molecola potenzialmente tossica ma che con il calore perde le sue cattive intenzioni. Per questo i Lupini vanno consumati sempre previa cottura.

Lupini secchi

I lupini secchi richiedono un tempo di ammollo prima della cottura piuttosto lungo per cui risultano i meno venduti. A livello di resa, nutrizionale, e di costo, di qualità e di sapore, non hanno nulla da farsi perdonare, ma l’idea delle lunghe ore di ammollo inevitabili li condannano ad essere un prodotto di nicchia.

In commercio, e nei carrelli della spesa degli italiani, si trovano per lo più i Lupini cotti e conservati sottovuoto, pratici: sono pronti al consumo e anche ricchi di tutte le sostanze nutritive senza nessuna differenza con i secchi.

Oggi i Lupini vengono consumati soprattutto come snack, piuttosto che a pasto anche se continuano ad essere presenti in molte ricette di tradizione e ben graditi. Un tempo erano usati anche come surrogato del caffè: il “caffè di lupino” aveva un sapore molto amaro, però, per cui si mescolava la sua polvere con quella di orzo o frumento per ottenere una miscela più bevibile.

Farina di Lupini

La farina di lupini è talvolta utilizzata come vermifugo ed antielmintico, molto spesso la troviamo come indicata per l’allevamento di bestiame. In verità è usata per preparare cibi senza glutine, biscotti e addirittura cioccolato e maionese. Per saperne di più vi consiglio di leggere l’articolo “Lupini e farina di Lupini

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Vi potrebbero interessare anche i seguenti articoli:

Pubblicato da Marta Abbà il 14 maggio 2016