Amido di mais, ecco a cosa serve

amido di mais

Amido di mais: a cosa serve la maizena, le sue applicazioni in cucina e in ambito domestico (e cosmetico!), proprietà e informazioni su cos’è e da dove si ricava. Come preparare una maschera per capelli e per il viso, con amido di mais e acqua. Controindicazioni per chi ha la pelle secca e rimedio naturale per curare la pelle grassa.

L’Amido di Mais maizena (da non confondere con la farina di mais) trova ampie applicazioni in diversi settori industriali e non. In casa, lo possiamo usare per le faccende domestiche, come ingrediente in cucina o nella cosmesi naturale.

Che cos’è l’amido di mais

L’amido di mais maizena è l’amido estratto dal granturco (mais). L’amido di mais è prodotto a partire dall’endosperma del mais. Per la sua produzione, il granturco è lasciato fermentare per appena 30 – 48 ore così da separare con più facilità il germe dall’endosperma. Germe di granturco ed endosperma (l’endosperma è la parte più interna del chicco di mais e rappresenta una riserva di amido) sono macinati separatamente. L’endosperma macinato subisce diversi processi di filtrazione e centrifughe mediante i quali perde qualsiasi fibra, proteina o residui di germe. La fase finale del processo produttivo dell’amido di mais è l’essiccazione.

Il nome maizena è stato adottato da noi italiani dal Regno Unito. L’amido di mais è chiamato comunemente maizena in Irlanda e Israele. Talvolta l’amido di mais è chiamato impropriamente farina di mais, la farina di granturco è un alimento completamente diverso perché proviene dalla macinazione completa dell’intero chicco di mais. Il colore e la consistenza della farina di granturco (o farina di mais) è mostrato nella foto in basso.

A cosa serve l’amido di mais in cucina

Nella pratica culinaria può essere impiegato come addensante in minestre, zuppe e creme; in questa pagina vedremo tutti i suoi usi.

Amido di mais e  maizena sono due nomi differenti per indicare il medesimo prodotto. L’amido di mais si usa per ispessire la texture di salse e zuppe, si usa per dare consistenza a tutti gli alimenti a base liquida come sughi, budini, creme, besciamella… Va a sostituire la farina bianca perché questa ha un sapore meno neutrale ma anche perché l’amido di mais forma una miscela traslucida e non opaca, questa differenza è molto apprezzata nei budini. Quando l’amido di mais viene riscaldato, le catene molecolari formano una fitta maglia che causa l’addensamento del liquido, un fenomeno noto come gelatinizzazione.

In cucina, l’amido di mais è aggiunto alla pastella di impanatura di cotolette, pepite di pollo e altre fritture per rendere il rivestimento più croccante.

Se da noi, in Italia, la pasta è preparata con semola o farina di grano duro, in Venezuela abbonda la pasta preparata con amido di mais che, per questa applicazione, è chiamato “amido Plancholin”.

Se da noi, in Italia, la crema pasticciera si prepara con farina, negli USA la ricetta vede l’impiego di amido di mais o una miscela di amido di mais e farina, la crema, oltre che nel sapore, cambia anche aspetto diventando più opaca.

Come sostituire l’amido di mais in cucina o in cosmesi

L’amido di mais è molto usato nella cucina senza glutine per sostituire la farina bianca. Per sostituire l’amido di mais in cucina si può impiegare l’amido di riso, la farina tapioca o, in alcuni casi, la fecola di patate.

Se la maizena è usata per addensare alimenti a base liquida, la fecola di patate è usata per rendere più soffici impasti solidi. Se parte della farina per il Pan di Spagna è sostituita con la fecola di patate, il pan di Spagna ottenuto sarà più friabile e morbido; lo stesso vale per ciambelle, muffin, biscotti e altri prodotti da forno.

Per gli usi cosmetici, l’amido di mais può essere sostituito facilmente con l’amido di riso, spesso più indicato per chi ha problemi di pelle secca o particolarmente sensibile.

farina di mais

Nella foto di apertura (in alto) è mostrato l’amido di mais, come è chiaro, colore e consistenza sono completamente diverse anche se il prodotto di partenza è il medesimo: il granoturco. Per tutte le informazioni sulla farina di granturco, vi consiglio la pagina: farina di mais, proprietà, usi e tipi di farina”.

Amido di mais per la pelle: uso cosmetico

E’ utile per il trattamento dei capelli grassi e della pelle grassa, anche se spesso, per gli usi cosmetici è più indicato l’amido di riso dalle analoghe proprietà. Per tutti gli usi alternativi dell’amido di mais vi rimandiamo all’articolo dedicato all’amido di riso. L’amido di mais e quello di riso, in ambito cosmetico, possono vantare proprietà affini e per questo sostituirli l’uno con l’altro.

In cosmesi, l’amido di riso è molto più diffuso di quello di mais ma non per questo risulta più efficace: entrambi possono essere usati come detergenti naturali per lavare il viso o per la classica pulizia del viso post make-up, per contrastare eczemi o alleviare irritazioni da brufoli. L’amido di riso sembrerebbe essere più delicato ma in entrambi i casi, chi ha una pelle secca e molto sensibile, dovrebbe limitarne l’uso per evitare screpolature.

L’amido di riso, così come l’amido di mais è usato per alleviare il rossore da pannolino sulla pelle dei bambini e soprattutto per sfruttarne le proprietà assorbenti e disinfiammanti.

Amido di mais, proprietà cosmetiche

Le sue proprietà cosmetiche sono legate all’elevata capacità di assorbire il sebo. Per questo l’amido di mais è indicato più per la cura della pelle grassa o per i capelli grassi. E’ controindicato per chi ha una pelle eccessivamente secca.

Il suo potere assorbente lo rende particolarmente idoneo alla preparazione di cipria naturale o di maschere per chi ha pelle tendente alle infiammazioni, per chi soffre di brufoli e acne.

E’ usato come agente lenitivo, ottimo per le irritazioni della cute (comprese le irritazioni da pannolino).

Questa polvere bianca si può usare anche per lavare il viso ma non tutti i giorni! Il forte potere assorbente potrebbe causare screpolature e pelle secca. Per lavare il viso, usate l’amido di mais due o tre volte a settimana (pelle grassa) o solo una volta a settimana se avete la pelle mista e tendente al secco.

Maschera per viso o capelli a base di amido di mais

Una maschera per capelli a base di amido di mais si prepara facilmente mescolando acqua, amido di mais e aggiunegndo un 10% del peso di acqua ossigenata. Dovrete ottenere una poltiglia da stendere sui capelli e lasciare agire per 10 minuti. La maschera per capelli a base di amido di mais deve essere usata solo da chi ha problemi di capelli grassi. La stessa ricetta (omettendo l’acqua ossigenata) può servire per preparare una maschera per il viso.

Per preparare una maschera per il viso più accurata, potete mescolare, parti uguali, di amido di mais e argilla verde ventilata.

L’amido di mais come rimedio della nonna

L’amido di mais è rimedio naturale molto usato dalle nonne! Viene aggiunto nelle scarpe per risolvere il problema dei piedi che sudano e anche del piede d’atleta.

Nell’igiene della casa e per la pulizia della pelle e dei tessuti, è utile per eliminare le macchie di tinta per capelli, basta creare una pastella data da latte intero e amido di mais (sulla pelle) e acqua e amido di mais su superfici e tessuti (che poi vanno immediatamente risciacquati).

Sempre in ambito domestico, l’amido di mais è utilizzato per inamidare il colletto delle camice e renderlo più rigido.

Ecco un piccolo trucchetto: se prepari dello zucchero a velo fatto in casa con un frullatore, aggiungi una punta di amido di mais che si comporterà come agente antiagglomerante naturale, evitando che lo zucchero a velo possa creare ammassi solidi!

Amido di mais, a cosa serve? Altri impieghi

Nella premessa abbiamo parlato di diverse applicazioni industriali: l’amido di mais è usato nell’industria della nuova plastica (per la produzione di plastica biodegradabile) e nell’industria cosmetica per la formulazione di prodotti di bellezza e deodoranti. Usando l’amido di mais potete preparare un ottimo deodorante fai da te profumato.

In campo medico l’amido di mais è usato come agente antiaderente su prodotti in lattice compresi preservativi, guanti monouso, diaframmi… L’amido di mais è andato a sostituire il vecchio talco quando alcune ricerche hanno visto che il talco poteva essere cancerogeno.

Negli Stati Uniti, per ridurre i costi di produzione alimentare, hanno permesso l’aggiunta di amido di mais in diversi alimenti come yogurt e formaggi.

In campo farmaceutico, l’amido di mais è usato come eccipiente per la preparazione di pillole (compresse).

E’ usato come agente antiaderente nei prodotti a base di lattice come preservativi, diaframmi e guanti.

L’amido di mais ha proprietà glucosio-modulanti, tanto che può essere sfruttato per mantenere i livelli di glucosio nel sangue (glicemia) per le persone con malattie da accumulo di glicogeno. Il questo ambito, il suo impiego deve essere monitorato da un medico.

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Anna De Simone il 19 luglio 2018