Kite Gen, eolico ad alta quota e made in Italy

L’Eolico di prossima generazione è italiano. Non più strutture pesanti e statiche ma una macchina leggera, intelligente e dinamica. Qui la parte aerodinamica che interagisce con il vento si eleva autonomamente, raggiungendo il flusso dove il vento è più intenso e costante.

Il vento più forte è quello che soffia più in alto. Realizzare turbine ancora più grandi è pressocché impossibile. Per ora la pala eolica più grande al mondo è la Siemens B75; mentre i tecnici si ingegnano per realizzare turbine ancora più efficienti, qualcuno pensa di sfruttare il vento in modo alternativo e lo fa sparando aquiloni ad alta quota, il Kite Gen, un’idea tutta italiana.

GUARDA LE FOTO DEL KITE GEN

La sfida lanciata dal Kite Gen è quella di conquistare l’energia eolica ad alta quota. Nessuna lama rotante e questa volta il vento produrrà energia elettrica pulita mediante la trazione esercitata sulle pestoie del dispositivo. Il kite o meglio, l’aquilone, una volta lanciato sperimenterà un percorso di volo capace di coprire un’area molto più grande di quella coperta da una turbina eolica convenzionale. Il kite può contare su sensori laterali che lo aiuteranno a massimizzare la produzione di energia elettrica.

Gli aquiloni sono legati a un’unità terrena con attacchi “Dyneema“, sarà la trazione di questi attacchi a generare l’elettricità. Quando il kite avrà raggiunto la sua massima capacità produttiva sarà riavvolto, secondo il team di sviluppo del Kite Gen, il riavvolgimento dell’aquilone consuma solo una piccola frazione dell’energia prodotta.

Il Kite Gen è attualmente alla ricerca di nuovi investitori al fine di raccogliere una cifra stimata di 62 milioni di dollari, i fondi sono necessari per portare la tecnologia a un livello superiore e costruire una centrale eolica da 150 megawatt con 50 generatori funzionanti. Per ora i finanziamenti disponibili ammontano a 12 milioni di dollari.

GUARDA LE FOTO DEL KITE GEN

La ciliegina sulla torta è che il Kite Gen è un progetto tutto italiano, per la precisione di origini torinesi. A questo link troverete le previsione per lo sviluppo della tecnologia Kite Gen.

Pubblicato da Anna De Simone il 28 agosto 2012