Siemens B75, quando le dimensioni contano

Talvolta le dimensioni contano, eccome! Secondo la “Wind Energy Equation“, una turbina più grande produrrà anche più energia. A sfruttare tale equazione è stata la Siemens che ha lanciato la B75, la turbina eolica lunga 75 metri, quasi quanto l’apertura alare di un Airbud A380. La gargantuesca pala eolica è prodotta in fibra di vetro e ha fatto guadagnare alla Simens il Record Mondiale per la lama più lunga mai realizzata. La Lama non ha bisogno di raccordi o giunture.

Le B75 saranno installate in una turbina offshore che si ergerà nell’autunno 2012 come primo prototipo, con una potenza da 6 MW. La turbina offshore sarà installata presso la stazione di test Østerild, in Danimarca. Una volta messo in funzione il rotore è in grado di coprire 18.600 metri quadrati, vale a dire l’area di due campi da calcio e mezzo, riuscendo a muovere le punte delle lame fino a una velocità di 80 metri al secondo.

Ma perché le dimensioni contano? Secondo la Wind Energy Equation, l’energia prodotta da una turbina eolica è direttamente proporzionale alla superficie portante. Dato che l’area coperta è di solito un cerchio -nel caso delle turbine eoliche ad asse orizzontale- si ha un rapporto quadrato alla lunghezza della lama. Per i matematici, l’equazione dell’energia eolica si traduce così:

Potenza in kilowatt = kx Cp x 1/2 Xpx A x V^3

Qualche cenno: k è la costante ed equivale a 0.000133 per produrre enrgia in kilowatt. Cp è il coefficiente di potenza della turbina, p è la densità dell’aria ed A è l’area del rotore (di solito si usa pi raggio al quadrato x per le turbine ad asse orizzontale). V è la velocità del vento ed è una variabile di grossa importanza, ecco perché è espressa al cubo.

Ma come ha fatto la Siemens a produrre lame così grosse e prive di giunture o raccordi?
La tecnologia che ha utilizzato si chiama IntegralBlade, con il quale l’intera lama è ottenuta lavorando un unico modulo in fibra di vetro. Il modulo è già pre-impregnato di resina epossica e legno di balsa così da non richiedere ulteriori saldature. Dato i materiali imipegati, la lama pesa il 20% in meno alle pale convezionali. Le prime due turbine dotate di B75 sono attualmente in fase di test presso il parco eolico Gunfleet Sands al largo della costa meridionale dell’Inghilterra.

a cura di Anna De Simone

Pubblicato da Anna De Simone il 8 agosto 2012