Kefir e semi di lino, benefici e info

kefir di semi di lino

Kefir e semi di lino: benefici e come fare il kefir d’acqua in casa potenziandone le proprietà con l’aggiunta della farina di semi di lino.

Che cosa hanno in comune kefir e semi di lino? La risposta è piuttosto semplice: sono un toccasana per poter purificare l’intestino, un organo fondamentale per il nostro corpo, tanto da essere ribattezzato una sorta di “secondo cervello”.

Ebbene, l’utilizzo opportuno di semi di lino e kefir può essere davvero utilissimo per poter cercare di contribuire alla salute dell’intestino, disintossicandolo dalle scorie e dalle tossine. Ma per quale motivo?

Kefir e semi di lino

Iniziamo con il rammentare che i semi di lino sono dei semi particolarmente preziosi proprio per poter favorire la regolarità delle funzioni intestinali, fornendo fibre e Omega 3 in buona quantità. Il kefir è invece una bevanda fermentata a base di latte, sempre più utilizzato anche in Italia. Il kefir è altresì ricco di batteri buoni, e contrariamente a quanto avveniva fino a pochi anni fa, quando era sostanzialmente introvabile, oggi si può acquistare nei negozi bio e nei migliori supermercati.

Detto ciò, semi di lino e kefir possono rappresentare una combinazione davvero eccezionale per poter aiutarci a eliminare tossine, muco e batteri dall’intestino, andando così a migliorare il proprio approccio nei confronti di condizioni anche particolarmente fastidiose come la stitichezza o colite.

Ma come si può fare per poter pulire l’intestino? Come possiamo disintossicarci attraverso due ingredienti semplici e naturali come i semi di lino e il kefir?

Il percorso per la depurazione è abbastanza semplice, e non dovrebbe certamente costarvi grande fatica. In particolare, durante la prima settimana di “trattamento” a base di questi particolari ingredienti, procedete ad assumere un cucchiaio di farina di semi di lino, mescolata all’interno di 100 ml di kefir. È molto importante che l’assunzione avvenga la mattina, prima di assumere altri prodotti.

La seconda settimana dovreste invece incrementare la dose. Raddoppiate pertanto la dose della prima settimana e assumete 2 cucchiai di farina di semi di lino mescolata sempre con 100 ml di kefir. E la terza settimana? Anche in questo caso, dovreste premere sul pedale dell’acceleratore: 3 cucchiai di farina di semi di lino, da mescolarsi con 150 ml di acqua di kefir.

Per le informazioni su dove comprare il kefir e come fare il kefir d’acqua: kefir, dove comprarlo

Farina di semi di lino per kefir

E se non avete della farina di semi di lino? Potete pur sempre cercare di ovviare a questa mancanza attraverso l’uso dei semi di lino, da tritare bene sul momento. Naturalmente, l’utilizzo della farina di lino è molto più semplice, considerato che avrete già a disposizione un ingrediente pronto per poter realizzare il composto utile per il benessere del vostro intestino.

Se tuttavia non avete a disposizione la farina, ma avete comunque acquistato almeno i semi di lino, dovrete armarvi di un po’ di pazienza e tritarli sul momento: il risultato è comunque quello ben sperato, ma con un pizzico di fatica in più.

Per quanto concerne la sostenibilità di questo rimedio, di norma non si tratta di niente di pesante o di indigeribile, anzi. Tuttavia, considerato che la consistenza e il sapore potrebbero non essere di gradimento, per i primi giorni potreste avvertire una sensazione poco gradevole. Con il passare delle mattine, tuttavia, farete la giusta abitudine a questo tipo di alimentazione, e finirete con l’acquisire una positiva abitudine che andrà a generare dei vantaggi alla vostra salute.

Depurare l’organismo con il kefir e i semi di lino

Peraltro, per poter massimizzare i benefici di questo trattamento depurativo, è fondamentale cercare di curare la propria idratazione. Ricordate pertanto di bere molta acqua, anche perché i semi di lino hanno la caratteristica di richiamarla e trattenerla a sé.

Detto ciò, al termine del trattamento delle tre settimane dovreste essere in grado di ottenere dei tangibili benefici a livello intestinale. Naturalmente, si tratta di una modifica alimentare che non può essere equiparata a una terapia medica, quanto solamente a un positivo e benefico approccio per poter valorizzare due ingredienti naturali come il kefir e i semi di lino all’interno della propria prassi di benessere mattutino.

Se pertanto ritenete che i vostri problemi intestinali siano particolarmente pregiudizievoli e duraturi, è opportuno condividerli con il proprio medico, e valutare con uno specialista eventuali approfondimenti diagnostici che potranno permettervi di ritrovare il meritato benessere.

Vuoi sfruttare a pieno le proprietà del kefir? Ecco la ricetta per preparare il kefir di latte.

Pubblicato da Anna De Simone il 30 Aprile 2019