Hustler X5, l’ebike che si sente una moto

Esiste una bici elettrica che per estetica e velocità somiglia più a una moto che non a una bicicletta. I designer di bici elettriche si trovano a dover disegnare un veicolo meno ingombrante di un motociclo ma anche più performante di una bicicletta; questa regola è stata del tutto ignorata con l’ultima ebike proposta da Hanebrink, la bici elettrica che ha tutte le sembianze di una motocicletta.

La bici elettrica in questione è la Hustler X5, e ha una velocità massima di 130 km/h, questa caratteristica la rende l’ebike più veloce di sempre. Il motore elettrico è supportato da una batteria agli ioni di litio di 82 volt. Ha 14 velocità di trasmissione e un design decisamente aerodinamico. Incredibile, l’autonomia della Hustler X5 supera i 300 chilometri.

La domanda sorge spontanea, ma perché una moto elettrica si classifica nella categoria delle ebike?
Ha i pedali! I pedali sono ben nascosti nella parte interna della carena. Quando l’autonomia della batteria sta per esaurirsi, niente vieta al pilota di trainare la “bici elettrica” con la potenza delle proprie gambe.

Peccato che la Hustler X5 pesa poco meno di 55 kg. Pedalare in salita sarebbe quasi impossibile. Una domanda ancora più legittima: se l’Hustler X5 è classificata come ebike, allora non avrà la necessità di assicurazione, bollo e targa? Ciò è vero solo in parte. La velocità di 130 km/h è raggiungibile con quella che la Hanebrink definisce modalità “competizione“, è possibile che i piloti avranno l’ebike Hustler X5 con una velocità limitata e per sbloccarla dovranno “faticare un po'”.

La Hustler X5 sarà disponibile da marzo. Ha un telaio realizzato in tubi di alluminio, non manca la possibilità di applicare varie personalizzazioni al corpo esterno. La Hustler X5 costerà circa 12.700 euro e per circolare con la modalità “competizione” necessiterà di patente, assicurazione e targa.

Altro articolo correlato che potrebbe interessarti: Biciclette a pedalata assistita: consigli per l’acquisto.

Pubblicato da Anna De Simone il 11 dicembre 2012