Giardinaggio, i lavori di giugno

A giugno la natura è nel pieno del risveglio estivo e le piantine del nostro giardino sfoggiano i colori più belli. È il momento giusto per nuovi impianti, concimazione e trattamenti antiparassitari.

Nel corso del mese di giugno potete porre a dimora quasi tutte le essenze da fiorea, anche se per le rose è meglio affrettarsi per non perdere la fioritura che è iniziata questo maggio. A Giugno si possono ancora piantare azalee, rododendri  gerani e surfinie. Per queste piante ricordatevi di preparare una larga buca di impianto da riempire con torba o con terriccio specifico per piante acidofile.

Incomincia a fare caldo: non facciamo mai mancare l’acqua al terreno. Deve sempre essere un poco umido, e per questo può essere utile distribuire sulla superficie dell’argilla espansa o della corteccia a pezzettini che rallenti l’evaporazione. Se non avete già provveduto lo scorso mese è bene fornire alle piantine una buona concimazione, interrando del concime organico o granulare ai piedi di alberi e arbusti.

E’ molto importante fornire regolarmente alle piante un fertilizzante completo, ricco di microelementi, che le mantenga sane e rigogliose. Attenzione assicuratevi che siano di provenienza biologica.

Cosa seminare in giardino. I bulbi
È arrivato anche il momento di interrare i bulbi a fioritura estiva, come begonia, ciclamino, dalia, gladiolo, lilium, peonia, ranuncolo. Sui balconi e nelle fioriere è possibile piantare gerani, impatiens, petunie, lobelie, e tutte le altre annuali.

Gli antiparassitari
Il risveglio vegetativo di giugno tuttavia coincide con il periodo di massima intensità delle attività dei parassiti, animali o fungini. Alle prime avvisaglie, o anche soltanto in maniera preventiva, provvedete ad effettuare un trattamento antiparassitario. Da preferire i prodotti biologici a quelli di sintesi, perche più rispettosi dell’ambiente e della natura e non tossici per i piccoli animali o per gli “insetti utili”.

Pubblicato da Anna De Simone il 3 giugno 2012