Gestire il tempo senza sprechi

Gestire il tempo

Gestire il tempo è uno dei lavori più difficili che esistano e non sempre è facile farlo. Sono sempre più numerosi gli strumenti a nostra disposizione ma aumenta anche il grado di stress, gli stimoli e lo stato di caos delle giornate di ciascuno.  Gestire il tempo serve per recuperare minuti preziosi e poi dedicarli alle nostre esigenze non solo lavorative, in modo da evitare il burnout.



Quando non siamo o non ci sentiamo ben organizzati, finiamo spesso per avere sempre fretta e finire la giornata con sensi di colpa per non aver fatto quello che avrebbero dovuto fare. Dato che, con o senza stress, le ore che abbiamo sono sempre lo stesso numero, meglio gestire il tempo come sappiamo puntando a stare bene, sereni.

Gestire il tempo e gli obiettivi

Per gestire gli obiettivi nel tempo è essenziale stilare una “to do list”, il modo più efficace, anche se non innovativo, per non scordare cosa stiamo facendo e perché. Non ci vuole molto tempo, per fare un elenco di obiettivi, ma ne fa risparmiare molto durante la giornata, meglio quindi pianificare questa attività al mattino per poi non avere più preoccupazioni o ripensamenti fino a sera. E’ un risparmio anche che energia, quella richiesta per cercare di ricordare di volta in volta cosa dobbiamo ancora fare entro sera.

Gestire il tempo

Gestire il tempo al lavoro

Anche sul lavoro, scrivere un elenco delle cose da fare è una delle prime azioni per imparare a gestire il tempo. Meglio poi assegnare a ciascuna voce una scala di priorità in modo da non tralasciare i compiti essenziali che, a fine giornata, potrebbero essere più pesanti.

Prima le scadenze immediate, quindi, e le cose davvero necessarie, ricordandoci la regola 80/20: solo il 20% di ciò che facciamo determina l’80% dei nostri obiettivi.

Gestire il tempo: app

Esistono molte app per gestire il tempo, soprattutto quelle che danno la possibilità di stilare liste ma anche di puntare dei promemoria. Meglio se collegate con i propri contatti così si può far partire direttamente una chiamata o una mail nel momento fissato.

Ci sono app molto colorare e altre serie, dipende da ciò che desideriamo ci aiuti nella nostra giornata senza però diventare un fastidio con troppe notifiche.  Una app, al posto di un foglio scritto, può aiutare i distratti o gli iperconnessi, le persone che hanno sempre il cellulare in mano, o quasi.

Gestire il tempo libero 

Anche il tempo libero, senza stress, può essere gestito in modo da non finire per sprecare ore o giornate libere a fare nulla cercando di fare tutto. In questo caso, più che una app, può aiutare una soluzione come questa lavagna con calendario mensile adatta a pianificazioni a breve e medio termine. Su Amazon costa 14 euro e può fare anche da calendario familiare che mette assieme gli impegni di più persone in modo da ottimizzare gli sforzi di tutti. E’ anche cancellabile, anche, e con adesivi e colori.

Gestire il tempo

Gestire il tempo per lo studio

Nello studio oltre che fissare gli obiettivi è importante anche definire una serie di diverse fasi perché è necessaria anche una programmazione a lungo periodo oltre che di giorno in giorno.

Con un calendario e un po’ di colori si può gestire il tempo al meglio e allo stesso tempo dare un tocco di allegria alle ore di studio. Nelle ore in cui si sta con la testa sui libri, ricordiamoci anche che la nostra mente ha una limitata capacità di mantenere la concentrazione per cui ogni 45 minuti, circa, facciamo un breve stacco, così ogni minuto di studio renderà meglio.

Gestire il tempo senza sprechi

Per gestire il tempo senza sprechi, meglio fare anche un elenco delle azioni che facciamo e di quanto tempo ci portano via. Questo serve per avere una migliore prospettiva su ciò che ci impegna e ciò che ci ruba tempo. Basta un foglio di carta o, sul computer, un foglio di calcolo Excel, per scrivere il registro di un paio di giorni, individuando quando sprechiamo tempo e come.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbero interessare anche:

 

Pubblicato da Marta Abbà il 29 ottobre 2017