Geolite magma

Geolite Magma

Geolite, un nome che può risultare nuovo ai non addetti ai lavori ma può essere interessante capire a cosa serve e che problemi risolve questa malta naturale, soprattutto perché è eco-compatibile. Oltre ad avere delle particolari proprietà care a chi la usa, sul campo, piace anche a chi guarda nella direzione della bio architettura e di edifici ad impatto minimo sul territorio.



La Geolite permette a chi la sceglie di superare i limiti tecnici e prestazionali delle comuni malte a base di cemento e additivi chimici e dei complessi sistemi stratificati per il recupero del calcestruzzo. E’ un materiale classificato come geomalta, usata per ripristinare, rasare e proteggere al tempo stesso il calcestruzzo “conciato male” trasformandolo attraverso la una sorta di cristallizzazione, in un blocco duro come una roccia.

I lavori tipici in cui viene impiegato il Geolite sono quelli di ripristino del calcestruzzo, per chi ci tiene a svolgerli in modo eco-compatibile, con un bassissimo contenuto di polimeri petrolchimici e senza fibre organiche. Questa malta rivoluzionaria è a ridotte emissioni di CO2 e bassissime di sostanze organiche volatili, oltretutto è riciclabile come inerte minerale: ciò significa che non va ad accumularsi nelle discariche né va smaltito in modo poco green.

Geolite: cosa è

Come già accennato anche se il nome in sé non aiuta ad intuire, si tratta di una malta molto particolare, tanto da essere definita “geo”. E’ una malta minerale certificata, eco-compatibile, a base di uno speciale legante a reazione cristallina, ideale nel GreenBuilding.

La si usa sul calcestruzzo, per passivare, ripristinare, rasare e proteggere strutture esistenti e realizzate con questo materiale.

Geolite Magma

Non è forse evidente per tutti, ma siamo circondati nel vero senso della parola da questo tipo di strutture, basta pensare alle travi, ai pilastri e alle solette di molti edifici, alle rampe o ad alcuni elementi decorativi che vediamo passeggiando per le città. Anche i cornicioni possono essere in calcestruzzo e lo stesso vale per ponti, viadotti, gallerie e canali idraulici.

Geolite magma

Il Geolite magma è una malta colabile usata sempre per passivare, ripristinare e consolidare strutture o infrastrutture in calcestruzzo armato. In particolare viene scelta quando è necessaria una messa in servizio molto rapida.

Tra le situazioni più vicine alla nostra quotidianità da potervi citare per non far sembrare questo materiale qualcosa di estraneo a noi, ci sono le pavimentazioni industriali e quelle degli aeroportuali da cui decolliamo per mete soleggiatre, molti giunti delle autostrade ma anche molti dei classici marciapiedi.

Un uso meno frequente ma altrettanto apprezzato che si fa della Geolite magma è quello legato alle opere per ancorare e fissare chiusini, pozzetti, recinzioni, cartelli segnaletici e varie barriere di protezione.

Geolite microsilicato

Questo geolite viene spesso “accoppiato” al precedente. Senza inoltrarmi in discorsi troppo tecnici, quando si va ad intervenire su una struttura in calcestruzzo che si è degradata col tempo, a causa del rigonfiamento del ferro di armatura, si interviene prima con il G. magma e poi con il G. Microsilicato.

A quest’ultimo si affida l’azione di rifinitura della pittura, infatti esso è in grado di decorare e proteggere la cristallizzazione garantendo la continuità monolitica dell’intero ripristino e allo stesso tempo assicurando una traspirazione continuativa.

Geolite Magma

Geolite asfalto

Questo terzo tipo di Geolite si conferma eco-compatibile ed è caratterizzato da un colore nero, perfetto per essere applicato sulle strade. Come gli altri, contiene pochissimi polimeri petrolchimici e zero fibre organiche.

Geolite magma: prezzo

Troviamo il Geolite in vendita solitamente in sacchi da 25 Kg. Possono esserci delle offerte di volta in volta riguardanti alcune varietà tra quelle viste o altre non citate ma il prezzo indicativo è di circq 20 euro ogni 25 Kg di questo materiale.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 12 dicembre 2016