Gatto Bombay: prezzo e allevamenti

gatto bombay4

Gatto Bombay, una pantera in miniatura che si aggira nel nostro salone. Volete provre questa sensazone di giungla in città? Allora prendere un gatto Bombay, si tratta di una razza di origine statunitense risultato dall’incrocio tra il gatto americano a pelo corto e il gatto burmese.



Il gatto Bombay è completamente nero con occhi gialli, vive in media 15 anni, massimo 20, ed è molto attaccato e fedele alla famiglia. E’ anche un po’ ingordo e non miagola quasi mai.

Gatto Bombay: carattere

Alla faccia della pantera che da l’impressione di essere, il gatto Bombay ha tutte le carte per farsi adorare ed essere un perfetto animale da compagnia. E’ tra l’altro anche ingenuo e non è dotato di molto istinto di sopravvivenza, è un tipo casalingo ed è meglio così, non ha la stoffa da avventuriero.

Il gatto Bombay ha un carattere intelligente ed è di indole affettuosa, ama stare in compagnia e la famiglia diventa la sua famiglia. Non in senso possessivo ma affettivo: si attacca moltissimo agli esseri umani, ne cerca le attenzioni distrattamente.

Per quel che riguarda il rapporto tra il gatto Bombay e altri animali, non ama molto la compagnia di altri gatti, tollera maggiormente la presenza di un cane. Invece questo felino adora i bambini che assecondano la sua spontanea dote del giocare.

Pigro e socievole, gatto Bombay non vuole essere disturbato da rumori troppo forti che lo rendono ansioso, anzi, lui stesso non fa confusione, non miagola quasi mai, solo per protestare se lo si lascia in casa da solo per tanto: lo detesta. Al massimo il gatto Bombay fa le fusa.

gatto bombay1

Gatto Bombay: aspetto

Più grande il maschio, fino ai 5 Kg, meno la femmina, ma il gatto Bombay è un animale di taglia media e costituzione robusta. Almeno 2 Kg. Il corpo è muscoloso, allungato, massiccio, sostenuto da zampe con cuscinetti neri. Gli arti sono lunghi e terminano in zampe piccole.

La testa è di forma tondeggiante, paffuta e grande, con il muso corto e il naso nero. Sopra risaltano due occhi ben distanziati e tondi tondi anche loro, di un meraviglioso colore giallo. Possono essere anche color rame scuro e distanziati. Le orecchie del gatto Bombay sono di media grandezza e tese in avanti, arrotondate sulle punte, larghe alla base.

La coda è medio – lunga, il pelo è invece corto e lucidissimo, senza alcun sottopelo. Alla nascita il colore del gatto Bombay è chiaro, a sorpresa, sapendo che poi, fidiamoci, il mantello si fa gradualmente più scuro fino a raggiungere il nero intenso.

gatto bombay2

Nelle cucciolate di gatto Bombay compaiono a volte gattini simili al Burmese o con altre sfumature, ci può essere una leggera sfumatura ruggine che poi scompare mentre l’età avanza. Il gatto Bombay invece avanza con passo felpato e con quel ondeggiare tipico dei grossi felini.

Gatto Bombay: alimentazione e cure

Questo gatto Bombay è un animale noto per il suo persistente appetito che lo può condurre al diabete. E’ bene saperlo per starci attenti e tenerlo a stecchetto. La sua alimentazione a maggior ragion deve essere equilibrata, a base non solo di carne ma anche di verdure.

Naturalmente lui preferisce la carne, ma dobbiamo imporci perchè non si muove molto, come gatto, per cui deve ingerire un giusto apporto calorico che non le faccia diventare un gatto Bombay “bomba”.

Per quanto riguarda l’igiene, è necessario spazzolarlo di tanto in tanto su tutto il corpo con un panno morbido o una leggera spazzola di crine e controllare che sia adeguata la pulizia delle orecchie.

gatto bombay3

Gatto Bombay: origine

Il nome del gatto Bombay richiama l’India ma non è originario di quel luogo. L’India ha un leopardo che somiglia molto al nostro amico micio nero quindi a lui è ispirato. Un soprannome del gatto Bombay è “pantera da salotto”.

Questa razza è nata negli Stati Uniti: dal 1958 un’allevatrice del Kentucky, Nikki Horner, ha effettuato una serie di intelligenti incroci di burmese zibellino e di americano a pelo corto dal pelo nero e occhi color rame. L’obiettivo, io direi raggiunto, era di produrre una sorta di “pantera in miniatura”.

Gatto Bombay: allevamento

Il gatto Bombay è il risultato di un intensissimo programma d’allevamento messo in atto tra il 1966 e il 1972 dalla sua creatrice, Nikki Horner. Ne uscirono oltre 100 esemplari che diede via, regalò, vendette, ma in qualche modo riuscì a far conoscere.

Horner ha fatto partecipare il gatto Bombay anche a numerose mostre ed esposizioni feline, a molte importanti mostre annuali, e nel 1970 finalmente il riconoscimento. Della sua caparbia e costanz ama anche della razza stessa, durante una manifestazione presso le cascate del Niagara. L’approvazione della nuova razza di gatto Bombay è stata approvato all’unanimità.

gatto bombay5

Oggi ci sono tanti allevamenti di gatto Bombay nei paesi dell’Asia e degli Stati Uniti, in Europa viene allevato principalmente nel Regno Unito ed è molto raro in Italia.

Gatto Bombay: prezzo

Forse anche per la sua affatto larga diffusione, ma in Italia il prezzo del gatto Bombay è attorno ai mille euro. Se ne trovano esemplari ameno, anche alla metà di questo prezzo, ma senza le garanzie che io consiglio di pretendere. Il pedigree, i documenti, i vaccini, in primis. E un controllo alla salute prima della cessione.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi! 

Articoli correlati che possono interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 25 ottobre 2015