Frutta per cani

Frutta per cani

Frutta per cani, importante e da inserire nella loro dieta anche se molti pensano il contrario. E’ una leggenda quella che narra che i cani con la frutta fanno male oppure che possono mangiare solo le mele, non è affatto così. C’è una vasta scelta di frutta per cani, basta evitarne alcune tipologie. E’ scorretto evitare in toto la frutta tra l’altro anche contenuta assieme alla verdura nel cibo preconfezionato, quindi chi prepara il pasto in casa per il proprio animale deve attrezzarsi per includerla, facendo attenzione alle quantità a seconda di età, sesso, razza e particolari patologie di cui esso può soffrire.



Frutta per cani: quale

Scegliendo correttamente, ricordiamoci che frutta e verdura devono costituire almeno il 10% e massimo il 15% della porzione giornaliera di cibo del nostro cane. La frutta per cani va preferita alla verdura perché è dissetante, ricca di sali minerali e vitamine, importantissima quindi per il corpo e i tessuti. Contenendo molte fibre, aiuta a purificare l’organismo e l’intestino.

Le mele sono il frutto che più spesso viene dato ai cani, sono perfette per l’intestino e i denti, una mela al giorno, intera, va benissimo ed elimina anche i resti di cibo tra i denti in modo che sparisca anche il cattivo alito. Altra frutta per cani che possiamo tranquillamente scegliere sono banana e anguria stando attenti a rimuovere i semi i quali potrebbero creare un blocco intestinale.

Frutta per cani

Frutta per cani tossica

Nessun allarmismo ma evitiamo di dare alcuni tipi di frutta ai cani perché alla lunga potrebbe causare dei problemi di salute. I fichi sono letteralmente vietati per via del troppo zucchero che contengono, per lo stesso motivo meglio che il nostro amico a 4 zampe stia lontano dall’uva che contiene anche una tossina che può danneggiare i reni.

Nella buccia di pesche, pere, ciliegie e albicocche ci sono sostanze poco digeribili e la loro polpa può causare blocchi intestinali. Questo non significa che se il cane ci ruba una ciliegia rischia di morire, sono le grandi quantità ingerite di continuo a creare problemi. Anche l’avocato non va preso in considerazione come frutta per cani: è tossico per cuore e polmoni, contenendo la persina.

Frutta per cani

Frutta per cani e verdura

La verdura è più difficile da dare ai cani in piatti cucinati in casa ma moto dipende da animale ad animale. Dobbiamo anche in questo caso scegliere bene, evitando tutte le verdure contenenti acido ossalico come gli spinaci, le bietole, la cicoria e la lattuga, perché favoriscono la formazione di calcoli renali. Altra categoria da bandire dal menù è quella delle verdure con disolfuro di n-propile perché distrugge i globuli rossi e causa anemia, tra queste troviamo cavolo, aglio e cipolle.

I funghi sono tossici per il fegato, anche i peperoni, i pomodori e le melanzane non fanno particolarmente bene mentre via libera a carote, zucchine e cetrioli che purificano l’intestino. Per la patata, attenzione alla cottura, va bene solo se bollita.

Frutta per cani

Frutta per cani secca

Ne troviamo nelle corrette quantità nel cibo secco confezionato e in commercio. Basta scegliere quindi alimenti per cani di alta qualità e che siano per la categoria corretta, anche a seconda dell’età. Oltre che nei croccantini, la frutta e la verdura sono incluse anche nel cibo umido, non la vediamo perché non ci sono pezzi interi, è mescolata agli altri ingredienti.

Frutta per cani

Frutta per cani: biscotti

Se abbiamo voglia di preparare dei biscotti per il nostro cane possiamo scegliere quelli a base di frutta, un dolce modo per fargliela mangiare nelle corrette quantità. Se non mostra di gradire, iniziamo a farlo avvicinare alla frutta con questi peluche interattivi da mordere, a forma di funghi, fragola, banana, carota e melanzana. In vendita anche su Amazon a 12 euro sono morbidi e sicuri, graditi al cane e utili per la masticazione e la pulizia dei denti.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Marta Abbà il 5 dicembre 2017