Friggere le bucce di patata, ecco come

friggere bucce patata

Foglie esterne di carciofo, gambi di asparagi, gambi di funghi, torsoli, baccelli e bucce (leggi come riciclare le bucce in cucina). Tutto quello che siamo soliti buttare in spazzatura è possibile tramutarlo in compost oppure… in gustose ricette. Seguendo questo principio è possibile friggere le bucce di patata e ricavarne simpatici spuntini, aperitivi, antipasti o addirittura contorni.

Friggere le bucce di patata per dar vita a una portata extra può essere particolarmente conveniente quando siamo alle prese con la preparazione di un gateau, un’insalata di patate, gnocchi napoletani e altri piatti che prevedono l’impiego della sola parte centrale della patata.

Le bucce di patata possono essere impiegate per la preparazione di brodi vegetali o per una simpatica frittura. Per friggere le bucce di patata non vi servirà altro che dell’olio per friggere, un po’ d’acqua, del pepe, rosmarino e sale. I più golosi potranno aggiungere al piatto finito, qualche scaglietta di formaggio tipo pecorino.

Friggere le bucce di patata è estremamente semplice: prima di tutto bisognerà pulire molto accuratamente ogni patata e, una volta pelata, invece di gettar via le bucce queste dovranno essere lasciate un po’ a bagno in una bacinella con dell’acqua fredda, in questo modo le bucce tenderanno ad arrotolarsi formando dei riccioli.

Il bagno in acqua non è necessario, ma di certo è consigliato se volete ottenere un piatto, oltre che saporito, anche bello da guardare; ancora meglio se tagliate le bucce in modo da ottenerle più lunghe possibili. Le bucce delle patate possono restare a bagno anche un’intera notte: magari la sera prima cenate con un purè di patate e per accogliere i vostri amici potete preparare un aperitivo con le bucce!

Quando si saranno formati i riccioli, scolate le bucce di patate e lasciate asciugere completamente. Quando l’olio per friggere sarà bollente, iniziate a friggere le bucce accompagnando la frittura con qualche chicco di pepe nero fresco e un rametto di rosmarino per aromatizzare.

Tenete presente che per friggere le bucce di patate occorre meno olio e meno tempo di quando ne serve per preparare le classiche patate fritte. Lo spessore più esiguo delle bucce non necessita di molto tempo per cuocersi e in men che non si dica le bucce saranno già colorate (ben dorate ma mai troppo scure!). Asciugate le bucce fritte dall’olio superfluo e servitele guarnendole con una cascata di scaglie di cacio.

Ti potrebbe interessare anche Batata: proprietà e ricette

Pubblicato da Anna De Simone il 22 marzo 2014