Filodendro: pianta e sua cura

filodendro

Filodendro, la pianta che ama gli alberi. E’ così che spiega il suo stesso nome, Philodendron, che deriva dal greco ed esplicita come la sua natura istintiva sia quella di arrampicarsi agli alberi tanto da abbracciarli in modo quasi soffocante. In senso affettuoso, ovviamente, perché non è una pianta fastidiosa, si attacca ai tronchi e li sfrutta come sostegno ma in appartamento possiamo tranquillamente fornirgli tubi o strutture in sostituzione o lasciare che il Filodendro ricada a cascata diventando una bellissima pianta da ingresso.



Filodendro: pianta

E’ una delle piante da appartamento più diffuse in Europa e nella stessa Italia, ce ne sono però centinaia di specie che si differenziano per colori, dimensioni e preferenze climatiche. Tutte arrivano però dall’America meridionale e la maggior parte è di tipo rampicante.

Il Filodendro di questo tipo ha quindi fusti sottili e carnosi da cui poi nascono delle grandi foglie di forma ovale o a cuore. Un’altra caratteristica peculiare di queste varietà arrampicatrici, riguarda le radici con molti internodi e che si avvolgono al sostegno che trovano disponibile.

Le meno comuni specie a fusto eretto mostrano foglie tendenzialmente più allungate e con forma acuminata, spesso con colori molto più originali e dimensioni ridotte.

filodendro

Filodendro: frutto commestibile

Non tutte ma alcune varietà di questa pianta, fortunatamente anche le più diffuse, producono anche dei fiori e di conseguenza, dei frutti. I fiori possiamo immaginarli simili nell’aspetto a delle calle. Quando il Filodendro è coltivato all’aperto da dei diligenti pollici verdi, allora ci regala anche frutti grossi e in quasi tutti i casi commestibili. Certo, è difficile ottenerli dagli esemplari che vivono in appartamento.

Filodendro: proprietà

Una proprietà comune a tutte o quasi le numerose varietà di Filodendro è la capacità di adattarsi ai nostri appartamenti creando un angolo verde molto gradevole e facile da curare. I Philodendri più diffusi sono tra tutti, in Italia, lo scadens e l’hastatum.

Il primo, detto anche cuspidatum, viene utilizzato sia nella versione rampicante, sia in quella ricadente, in entrambi i casi ha delle foglie cuoriformi non molto grandi e che possono avere colori molto diversi, sia che siano a tinta unica sia variegate. Per il Filodendro Hastatum, le foglie si fanno sagittate e poi oblunghe ed ondulate, hanno una consistenza più carnosa e crescono velocemente, in alcuni casi sfoggiano anche variegature o colori originali come il carminio.

filodendro

Filodendro gigante

Le varietà di dimensioni maggiori di questa pianta sono quelle a fusto eretti, di tipo arbustivo, caratterizzate anche da foglie più grandi e a volte con bordi irregolari. Sono meno comuni rispetto alle altre, dalle nostre parti, e di solito vengono coltivate all’aperto o in serra, in modo che possano raggiungere le dimensioni anche di un paio di metri. E’ il caso ad esempio del Philodendron erubescens che supera il metro e mezzo con delle belle foglie lucide, rosa da giovani e poi più ramate, lunghe anche 30 cm.

Possiamo anche incontrare una pianta che molto simile ad alcune specie di filodendroma che non appartiene, ad essere rigorosi, a questa tipologia. Si tratta della Monstera deliciosa, un rampicante che cito ora perché diventa enorme se lasciato crescere, con foglie altrettanto estese, verde scuro lucido, spesso decorate con incisioni anche profonde.

filodendro

Filodendro: prezzo

Oltre ad essere gradevole, decorativa e facile da coltivare, il Filodendro è anche una pianta piuttosto conveniente come prezzo, se ne trovano esemplari da appartamento ad una decina di euro, sia on line che in negozi specializzati e vivai. Quelli rampicanti devono poter poi contare su sostegni e tubi di plastica ricoperti di spugna, meglio se provvediamo poi ad innaffiarli regolarmente in estate mentre nei mesi invernali possiamo farlo ogni tanto. La posizione ottimale è quella luminosa ma senza sole diretto che potrebbe dare fastidio al Filodendro, abituato a vivere nel sottobosco delle foreste tropicali.

filodendro

Filodendro con foglie gialle: rimedi

Le foglie gialle o altri “disturbi” che possono affliggere il Filodendro sono per la maggior parte dei casi conseguenza di errori umani di coltivazione visto che siamo di fronte ad una pianta in generale sana e robusta. Quando le foglie risultano gialle e appassite o abbiamo sbagliato a dosare le annaffiature oppure abbiamo sottoposto la nostra pianta a temperature troppo basse.

Può accadere anche che le foglie presentino delle chiazze scure, in questo caso è “colpa” della muffa grigia. In questo caso possiamo intervenire effettuando un rinvaso in modo da eliminare anche le parti compromesse. I parassiti più “affezionati” al Filodendro sono le cocciniglie e il ragnetto rosso, per cacciarli ci vogliono prodotti specifici.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Ti potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 27 agosto 2016